Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Eric-Emmanuel Schmitt

Il lottatore di sumo che non diventava grosso

Eric-Emmanuel Schmitt

Il lottatore di sumo che non diventava grosso

ottobre 2011, pp. 128
ISBN: 9788866320678
Traduzione: Alberto Bracci Testasecca
Collana: Tascabili
Disponibile in ebook Disponibile in ebook Disponibile in ebook
€ 8,50
Come acquistare Come acquistare Come acquistare

Il libro

Selvaggio, arrabbiato, Jun vaga coi suoi quindici anni per le strade di Tokyo, lontano da una famiglia della quale si rifiuta di parlare.

Il suo incontro con un maestro di sumo che vede in lui un “grosso”, nonostante il suo fisico emaciato, lo coinvolge nella pratica della più misteriosa delle arti marziali. Con lui Jun scopre il mondo sconosciuto della forza, dell’intelligenza e dell’accettazione di sé.

Ma come raggiungere lo zen quando non si è altro che dolore e violenza? Come diventare lottatore di sumo se non si riesce a diventare grossi?

Nell’affollata metropoli giapponese l’anziano Shomintzu guiderà il ragazzo lungo un percorso iniziatico che mescolando infanzia e spiritualità accompagna anche noi alla sorgente del buddhismo.

Con questo breve e folgorante romanzo sul mondo dei lottatori di sumo e della spiritualità zen, Eric-Emmanuel Schmitt, il popolare autore di Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano e di altri fortunati libri, scrive un altro capitolo del suo “ciclo dell’invisibile”.

L'autore

Eric-Emmanuel Schmitt
Eric-Emmanuel Schmitt è nato a Sainte-Foy-lès-Lyon nel 1960. Come autore teatrale ha scritto numerose opere rappresentate in tutto il mondo. I suoi ro­manzi sono tradotti in molte lingue. Le Edizioni E/O hanno pubblicato Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano e Odette Toulemonde, da cui sono stati tratti dei film, Piccoli crimini coniugali, Milarepa, La parte dell’altro, La mia storia con Mozart, Quando ero un’opera d’arte, La rivale. Un racconto su Maria Callas, La sognatrice di Ostenda, Il visitatore, Il lottatore di sumo che non diventava grosso, Ulisse da Baghdad, La scuola degli egoisti, Concerto in memoria di un angelo, Quando penso che Beethoven è morto mentre tanti cretini ancora vivono..., La donna allo specchio, I dieci figli che la signora Ming non ha mai avuto, L’amore invisibile, La giostra del piacere, Elisir d’amore e Veleno d’amore.

Recensioni