Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Eric-Emmanuel Schmitt

Milarepa

dicembre 2012, pp. 128, e-Book
ISBN: 9788866323273
Collana: eBook
€ 4,99
Come acquistare Come acquistare Come acquistare

Il libro

Simon è assillato da un sogno che lo proietta in un paesaggio pietroso disseminato di carogne e nel quale si aggira colmo di odio e di un inspiegabile desiderio di vendetta “come un latte nero ribollente” fino al giorno in cui in un caffè di Montmartre una donna misteriosa avvolta nel fumo delle sigarette lo apostrofa: “Tu sei Svastika lo zio. Sei l’uomo attraverso il quale è accaduto tutto…da secoli percorri le montagne dei tuoi sogni per purgare la tua anima…Potrai farlo soltanto raccontando la storia della persona con cui hai combattuto Milarepa il più grande degli eremiti. Dovrai raccontarla per centomila volte per scioglierti dal samsara il cerchio infinito delle morti e delle vite ”. Schmitt affronta in questo libro una delle figure più dense e carismatiche della grande tradizione spirituale buddista: Milarepa il grande mago poeta e santo che colora di elementi di stregoneria sciamanica l’antica religione Bön per confluire nell’evangelo del buddismo tibetano. Ma la vita tormentata dell’eremita sciamano nel Tibet dell’undicesimo secolo fornisce al poliedrico Schmitt lo spunto per una originalissima rielaborazione narrativa in forma di affascinante enigma. Offre così al lettore una nuova prova della sua inesauribile verve inventiva intorno ai grandi interrogativi morali di ogni tempo fino alla nostra più stretta e angosciosa attualità: il bene e il male la legittimità della vendetta la forza del perdono e la ricerca di una vita spirituale disposta a liberarsi dei limiti angusti dell’ individualità e ad affrontare attraverso la rinuncia e il sacrificio la strada della saggezza e della perfezione. La vita di Milarepa nato da una famiglia facoltosa di contadini che alla morte prematura del padre viene gettata nella miseria e in una lunga agonia di stenti da un avido parente - lo zio di Milarepa - accolto insieme alla sua famiglia dopo aver subito a sua volta la perdita dei suoi beni - diventa nell’ideazione di Schmitt una enigmatica parabola. Un racconto morale e metaforico collegato all’attualità attraverso la figura del protagonista- narratore Simon nella doppia veste di Milarepa e dello zio di questi (dall’eloquente nome Svastika). Attraverso la cifra del sogno-ricordo- racconto di vite precedenti al nostro presente il passato si aggancia al presente. Simon narra per la centomillesima volta in bilico tra sogno e ricordo e lo fa con questo significativo avvertimento: “Io non penso. Racconto.” in uno sdoppiamento che si risolve alla fine nella fusione dei due avversari in una sola identità. Milarepa e Svastika alternano le proprie voci nel narratore confondendo i caratteri individuali cancellando gli spazi dell’innocenza e della colpa del pentimento e della vendetta sciogliendo l’io dai limiti angusti di un destino personale per attingere a un livello della coscienza capace di accogliere il tutto rinunciando alla propria individualità fino ad affrancarsi dalla specie per accedere a una cognizione più alta dell’essere attraverso il tempo e nel mondo capace di redimere la vita e annullare la morte Le tappe della storia ripercorrono fedelmente le vicende del santo eremita il ritiro dopo che lo zio l’ha cacciato di casa la perdita di sé nel gorgo dell’alcol e del vagabondaggio la vendetta attraverso le facoltà di magia nera acquisite durante l’eremitaggio e che si consuma con l’annientamento della famiglia dello zio malvagio il pentimento e la ricerca della perfezione attraverso le durissime prove cui lo sottopone il grande maestro Marpa il Traduttore poi l’ascesi fino ai sommi gradi della conoscenza suprema che gli dà accesso ai miracolosi poteri dell’illuminato. Ma la forza interlocutoria il fascino e la incisività fantastica del Milarepa di Schmitt è tutta in questa irruzione del presente più normale e quotidiano nella prosaicità scettica ironica inquieta e dubbiosa del protagonista narratore Simon che tira i fili del sogno e del ricordo del presente e del trapassato più remoto in un gioco di specchi o di scatole cinesi che come nel testo classico della Vita di Milarepa non viene messo alla prova dei lettori ma finisce con metterli alla prova.

L'autore

Eric-Emmanuel Schmitt
Eric-Emmanuel Schmitt è nato a Sainte-Foy-lès-Lyon nel 1960. Come autore teatrale ha scritto numerose opere rappresentate in tutto il mondo. I suoi ro­manzi sono tradotti in molte lingue. Le Edizioni E/O hanno pubblicato Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano e Odette Toulemonde, da cui sono stati tratti dei film, Piccoli crimini coniugali, Milarepa, La parte dell’altro, La mia storia con Mozart, Quando ero un’opera d’arte, La rivale. Un racconto su Maria Callas, La sognatrice di Ostenda, Il visitatore, Il lottatore di sumo che non diventava grosso, Ulisse da Baghdad, La scuola degli egoisti, Concerto in memoria di un angelo, Quando penso che Beethoven è morto mentre tanti cretini ancora vivono..., La donna allo specchio, I dieci figli che la signora Ming non ha mai avuto, L’amore invisibile, La giostra del piacere, Elisir d’amore e Veleno d’amore.