Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Nathacha Appanah

Le rocce di Poudre d’Or

Nathacha Appanah

Le rocce di Poudre d’Or

settembre 2006, pp. 160
ISBN: 9788876417467
Traduzione: Emanuelle Caillat, Cinzia Poli
Area geografica: Letterature africane
Collana: Dal Mondo
€ 14,00
Non disponibile Non disponibile Non disponibile

Il libro

1892. Nell’India coloniale britannica centinaia di indiani sono reclutati dagli inglesi con l’inganno e spinti a raggiungere l’isola Mauritius, al di là dell’oceano, nella speranza di trovare un lavoro e condizioni di vita migliori.

Storie di fuga molto diverse tra loro si intrecciano: quella dell’ingenuo giocatore di carte Badri, illuso di trovare scintillanti monete d’oro sotto le rocce; quella del giovane Vythee, alla ricerca del fratello partito anni prima; quella del contadino Chotty, sfruttato dal proprietario terriero del suo villaggio, di cui è debitore; quella della vedova di sangue reale Ganga che fugge il rogo.

Dopo settimane in mare, ammassati nella stiva di una nave, costretti a fronteggiare la fame, le malattie e la morte, approderanno nella tanto agognata isola Mauritius.

Ma al loro arrivo non troveranno né la terra verde e fertile né i facili guadagni che erano stati loro promessi, bensì un duro lavoro nelle piantagioni di canna da zucchero, agli ordini degli avidi proprietari terrieri francesi e dei loro spietati aguzzini. Questo è il drammatico esito della traversata sul “kala pani”, “l’acqua nera” dell’oceano: divenire la nuova razza di schiavi, quella che dopo l’abolizione ufficiale della schiavitù ha sostituito i neri.

Nel villaggio di Poudre d’Or, sotto le cui rocce dure e sterili certo non giace l’oro, le vite degli indiani restano intrappolate fra il blu del cielo e il verde della canna da zucchero.

Il romanzo porta alla luce un passato tragico e poco noto della storia coloniale e, rifiutando facili manicheismi, dà voce sia agli sfruttati che agli sfruttatori. Le rocce di Poudre d’Or è la sentita testimonianza di eventi storici che hanno segnato anche le origini familiari della scrittrice.

L'autrice

Nathacha Appanah
Nathacha Appanah è nata nell'isola di Mauritius nel 1973. Giornalista, vive in Francia dal 1999. È autrice di tre romanzi pubblicati nella collana Continents noirs di Gallimard. Il suo romanzo d’esordio ha vinto il premio RFO du Livre nel 2003.

Recensioni

Volumi correlati per appartenenza geografica

  • Ahmadou Kourouma

    Aspettando il voto delle bestie selvagge

    2014, pp. 384, € 12,50
    Il viaggio iniziatico di Koyaga, dittatore africano della Repubblica del Golfo, come tutta la sua vita è una galleria di orrori e meraviglie dell’Africa...
  • Boubacar Boris Diop

    Rwanda

    2012, pp. 192, € 10,00
    Murambi, il libro delle ossa "Non ci sono parole per parlare con i morti. Non si alzeranno per rispondere alle tue parole. Quello che capirai...
  • Ian Holding

    Uomini e bestie

    2011, pp. 240, € 18,00
    In un paese africano in preda a sconvolgimenti politici e umani alcuni miliziani sequestrano un uomo alla periferia di una città saccheggiata. Il prigioniero...
  • Abasse Ndione

    Vita a spirale

    2011, pp. , € 10,00
    Amuyaakar Ndooy, il giovane eroe di questo singolare romanzo, è un tassista della Compagnia dei trasporti di Capo Verde, contento del suo lavoro i...
  • Moussa Konaté

    La maledizione del dio del fiume

    2010, pp. 160, € 16,50
    Un noir in terra africana, dove al mistero del delitto si mescolano gli arcani che avvolgono una cultura ricca di miti e leggende. In Mali nel villaggio...
  • Zakes Mda

    Si può morire in tanti modi

    2008, pp. 226, € 17,00
    Il pluripremiato scrittore Zakes Mda ci porta dentro il pentolone ribollente del Sudafrica di Toloki, grottesco personaggio in abito completo e cilindro,...