Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letteratura francese

Gabriel Chevallier

Gabriel Chevallier

Nato a Lione nel 1895 e scomparso nel 1969 a Cannes, Gabriel Chevallier è stato un autore francese di straordinario successo. Dopo aver partecipato alla Grande Guerra raccontò la sua esperienza nel romanzo La Paura (Adelphi 2011). Fece il giornalista, l’insegnante d’arte e il commesso viaggiatore. Scritto nel 1934, La memorabile annata del Beaujolais è stato tradotto in ventisette lingue e ha venduto tre milioni di copie. Pierre Chenal ne ha tratto un film con Fernandel. È il primo romanzo della saga di Clochemerle a cui seguiranno Clochemerle Babylon (1951) e Clochemerle-les-Bains (1963). È stato accostato dalla critica a figure come Dorgelès, Giono e Martin du Gard.

Tutti i libri di Gabriel Chevallier

Ultime recensioni

  • È raro ma talvolta capita che un editore intelligente ritrovi e riproponga gioielli dimenticati. È il caso delle edizioni E/O e de L’annata memorabile del Beaujolais di Gabriel Chevallier, uno dei grandi riferimenti della letteratura umoristica del Novecento. Il libro ottenne...
    — Secolo d'Italia, 12 settembre 2016
  • Come la Vigata di Camilleri è una città immaginaria che, però, assomiglia tanto alla siciliana Porto Empedocle, così Clochemerle, dov’è ambientato questo romanzo, non esiste ma è il nom de plume di Vaux-en-beaujolais. l’arcano è presto svelato: è a questa...
    — Bell'Europa, 27 luglio 2016
  • Quando, non molti anni fa, scoprii che il prete che aveva fondato e diretto il coro in cui iniziai a cantare da bambino era lo stesso sacerdote sulla cui figura era stato modellato il personaggio di Don Camillo, la sorpresa fu grande. Don Rino (Davighi), parroco della cattedrale...
    — L'Unità, 12 luglio 2016
  • Scrittore di guerra diventato un caso mondiale con la trilogia di cui questo è il volume, Chevallier (morto nel 1969 a Cannes) narra gli scandali del paesino di Clochemerle, nell'assolato ottobre del 1923, annata storica per il Beaujolais. Nel 1948 Pierre Chenal ne trasse un...
    — Il Venerdì di Repubblica, 1 luglio 2016

Letteratura francese