Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Alla fine di un giorno noioso

Autore: Daniele Borghi
Testata: SoloLibri.net
Data: 14 giugno 2011

Qualche anno fa un critico molto importante, sulle pagine di un altrettanto importante quotidiano, scrisse che Giorgio Faletti era il miglior scrittore italiano. Non essendo affatto d’accordo, mi sento in diritto con la stessa platealità di lasciare la seguente dichiarazione, certamente più settoriale, meno roboante, meno influente e sicuramente meno letta e ancor meno pagata: Massimo Carlotto è il miglior scrittore italiano di noir. E giuro che sono sobrio, quindi non potrò rimangiarmi quello che sto scrivendo. Con la sola eccezione di un mezzo passo falso di qualche anno fa (“Nordest”, Ed. E/O, 2005, scritto a quattro mani con Marco Videtta), Massimo Carlotto ha edificato un’opera che lo ha reso unico nel panorama degli scrittori italiani.

Sin dalla sua prima uscita (“Il fuggiasco”, Ed. E/O, 1995), un romanzo quasi totalmente autobiografico sul periodo della sua lunga latitanza, Carlotto ha saputo metter in luce una scrittura asciutta e levigata come un sasso di fiume, pur se ovviamente coinvolto emotivamente. Le sue pubblicazioni sono numerose e non mi pare il caso di elencarle (chiunque ne abbia voglia può andare a cercarne tracce su Wikipedia o sul sito dello stesso scrittore), ma ciò che interessa di esse è la particolare qualità della scrittura. In ogni pagina che si possa leggere non c’è mai alcuna traccia di sentimentalismo, neppure in maniera embrionale. La sua scrittura è così asciutta che può ricordare sia Raymond Carver, naturalmente in territori diversi, che quella, per rimanere nell’ambito “noir”, di James Ellroy.

Il protagonista di “Alla fine di un giorno noioso” è lo stesso Giorgio Pellegrini che avevamo lasciato undici anni fa davanti alla bara della sua fidanzata, da lui stesso uccisa con un farmaco a cui era allergica. Lo avevamo visto anche al cinema con il viso di Alessio Boni (una delle sue poche interpretazioni convincenti) in un solido film di qualche anno fa “Arrivederci Amore ciao”, e ora lo rincontriamo appena imbolsito, meno pronto a fiutare le trappole e ad evitarle, ma ben presto di nuovo pronto a scendere in pista e a premere forte sul gas. Questa pista è l’Italia di oggi, in cui malaffare, malapolitica, criminalità organizzata e cani sciolti si contendono le spoglie del nostro paese, senza pietà e senza la minima intenzione di escludere qualche mezzo. Ciò che sorprende è, anche qui, la sobrietà del racconto. In pochi tratti, chirurgicamente precisi e intensamente efficaci, si delineano situazioni, intrecci e campi d’azione per cui, uno scrittore “normale”, avrebbe bisogno di duecento pagine, lasciando sulla carta non il disegno del tutto ma la pista cifrata con cui ricostruirlo senza trascurarne neppure un particolare. Sì, Carlotto scrive così, non indugia in nulla. Rilascia quel che è necessario a capire, a costruirsi la realtà che lui stesso ha immaginato ma senza essere mai ridondante o didascalico, sia per ciò che riguarda ogni personaggio che la trama. Come in ogni “noir” degno di questo nome, qui non ci sono buoni, non c’è redenzione e non c’è lieto fine: nella vita il lieto fine non esiste. Questo Carlotto lo sa, lo scrive benissimo e non potrebbe essere diversamente.

Questo non è un romanzo per palati fini, è un romanzo per palati forti, disposti ad assaporare anche i gusti più estremi senza fare smorfie, godendone l’asprezza facendo della lettura un’esperienza di vita propria. Come sempre accade quando si è di fronte ad un opera d’arte degna di questo nome.