Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Jesse Browner | Tutto accade oggi

Autore: Silvia Dell'Amore
Testata: Finzioni Magazine
Data: 27 ottobre 2011

Ci sono due spiegazioni al titolo scelto da Browner per il suo libro: la prima è sicuramente il fatto che l'intera narrazione si svolge in una singola giornata. La seconda è che il lettore non può leggerlo facendo pause e interruzioni; è pressoché impossibile. Sarà la mancanza di suddivisione in capitoli, sarà perché il desiderio di sapere come andrà a finire aumenta di pagina in pagina, sta di fatto che il dettame "tutto accade oggi" vale tanto per il protagonista Wes quanto per il fortunato lettore. Provare per credere: prendete il volume di Browner e cominciatelo. Presto vi ritroverete  a New York, al Greenwich Village, immersi in un vorticoso girotondo di fatti e parole al termine del quale, volenti o nolenti, vi ritroverete a carezzare il retro del libro con due appuntamenti mancati e cinque chiamate perse sul cellulare.

Ed è proprio con un cellulare che comincia la notte che al diciassettenne Wes, ragazzo intellettualoide e un po' nerd, cambia la vita: perché in quella notte, dopo un veloce scambio di messaggi con Lucy, Wes perde finalmente la verginità. Ma il non-più-ragazzino è tutt'altro che felice, perché il "grande passo" l'ha fatto con Lucy, la più bella della scuola, ma non con Delia, il suo unico e grande amore al quale, però, non si è mai rivelato.

Wes si ritrova quindi, come tanti della sua età, in piena crisi emotiva, ma abbandonarvisi non può, perché ha tante cose da sbrigare: preparare la cena e il saggio per la scuola, assistere la madre malata, accudire l'amatissima sorellina Nora e fronteggiare un padre troppo assente. A ritmo di Belle and Sebastian e sfrigolio di animelle, tra iPhone e Twitter, Browner ripercorre così pensieri e paranoie di un adolescente alle prese con l'innamoramento dei tempi moderni, facendoci tornare a quel periodo in cui sesso e amore sono contorti e ingarbugliati come due corpi alle prime esperienze e dove la coscienza di sé è confusa e annebbiata, proprio come in seguito alla prima grande sbronza.

Ed è bello davvero tornare adolescenti assieme a Wes e i suoi amici, rivangando quella fase della vita in cui "tutto accade oggi" ma dove tutto, in realtà, deve ancora accadere.