Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Lupi di fronte al mare

Autore: Paola Borraccino
Testata: Sulla mia scrivania
Data: 23 ottobre 2011

Appassionante come una partita a pocker il romanzo di Carlo Mazza, il quale, però, commette un errore sul finale, perdendo parecchie delle fiches idealmente guadagnate fino a quel momento dal suo lettore.

   La storia è ambientata in una Bari che qui ha il respiro di una città metropolitana e "si mostra quale rappresentazione di un intero Paese".

   La quarta di copertina recita: "Il capitano Bosdaves, militare ironico e disincantato al comando di una compagnia di Carabinieri, penetra nella coltre vischiosa di un intricato sistema di interessi e complicità, che lega la malavita e la politica alla sanità privata e agli ambienti finanziari".

   In effetti, la lettura di Lupi di fronte al mare risulta più istruttiva di una lezione sulla mafia e più veritiera di un articolo di un quotidiano, in quanto l'autore, che lavora in banca da trent'anni circa, svela i meccanismi del finanziamento occulto ai partiti, degli appalti truccati, quindi della cappa della corruzione che, fosse pure in modo ed in misura diversa, corrompe quasi tutti attraverso il perverso gioco di blandizie, prebende e ricatti.

   Veniamo, però, ai limiti dell'opera del barese Mazza.

   La narrazione è molto "visiva", sicché se è vero che e le quasi 400 pagine corrono, è anche vero che pochi passaggi meritano una pausa di riflessione: fa molto scuola americana di scrittura. Sia ben chiaro, questo non è necessariamente un difetto, piace molto al lettore medio, in genere è un elemento connotante dei best seller, tuttavia... non per fare gli snob, ma è uno stile televisivo, efficace, ma povero.
   Per vero, questo elemento, che credevo frutto di una mia impressione, è confermato dallo stesso autore, il quale in una intervista dichiara: "Amo il cinema e ho scritto il romanzo come se scrivessi la sceneggiatura di un film e immaginando che ad interpretare i ruoli fossero: Fabrizio Bentivoglio (Bosdaves); Sergio Rubini (Spadaro); Laura Morante (Irene); Valentina Lodovini (Martina). Addirittura, descrivendo Spadaro, avevo davanti agli occhi una foto di Rubini".

   La prosa è semplice e il periodare sciolto, non fratto, ma mai prolisso.
   La voce narrante spiega giusto il necessario, i personaggi sono descritti in presa diretta; Carlo Mazza preferisce che essi si raccontino da soli, attraverso le proprie parole ed azioni.

   La parte più interessante dal punto di vista linguistico è sicuramente l'alternanza tra il linguaggio formale che i notabili usano nelle occasioni pubbliche (forbito, persino aulico) e quello informale che usano nei colloqui a porte chiuse (crudo e spietato).

   Anche l'habitat dei malavitosi è ben rappresentato, soprattutto perché Carlo Mazza riesce ad evidenziare che, alla fine dei giochi, costoro si caricano del lavoro sporco, ma sono solo delle pedine spostate dai delinquenti in giacca e cravatta che hanno fatto le "scuole buone". Inoltre, mentre i primi, esecutori materiali, prima o poi incappano nelle maglie della giustizia, i loro sodali, e mandanti morali, rimangono quasi sempre impuniti.

   Alcuni hanno paragonato il romanzo del barese Mazza a Gomorra di Saviano, altri a Il giorno della civetta di Sciascia: a mio modesto avviso i paragoni sono azzardati, tuttavia devo riconoscere che Lupi di fronte al mare è migliore di molti libri pubblicati negli ultimi anni sugli stessi temi.

   Come ho anticipato, la storia cade sul finale, un po' affrettato, peccato! Anche l'indagine sfrutta troppo delle coincidenze ed è poco credibile.
   Per il resto, è un lavoro interessante, soprattutto per la romantica figura del protagonista, il capitano Bosdaves, il quale, pensa che nella vita bisogna rassegnarsi al disordine, ma poi combatte con la forza di chi è convinto che l'impegno di ciascuno possa fare ancora la differenza per rendere il mondo un posto migliore.

   Voto 7

   Consigliato
   A tutti coloro che credono che il federalismo fiscale risolverà i problemi della sanità in Italia.