Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Non ti meriti nulla – Alexander Maksik

Autore: Martino Ciano
Testata: Gli Amanti dei Libri
Data: 17 dicembre 2011

 Una storia d’amore tra una studentessa e il suo professore,  un ragazzo con una situazione familiare difficile che cerca di guarire dalla sua timidezza. Sfondo di questo avvincente romanzo: una scuola di Parigi, un college esclusivo per famiglie facoltose. Ecco i temi del libro “Non ti meriti nulla” di Maksik.

Will, un professore di trentatre anni brillante e amante di Sartre; Gilad, un adolescente timido, taciturno, riflessivo e sensibile, impotente testimone delle continue violenze che la madre subisce dal marito; Marie, una giovane studentessa che si innamora del professore e con lui sperimenta il sesso e il difficile passaggio dall’adolescenza all’età matura.

Vero protagonista di questo libro è Will. Un professore unico, amato dai suoi studenti per i suoi metodi, ma che proprio in quella relazione così compromettente e così atipica con una sua alunna, rilegge la sua vita. Lui che è visto come un eroe, un uomo con gli attributi, un misto di saggezza e perfezione, è ora immischiato in una storia d’amore che potrebbe compromettere ogni cosa, in primis la sua reputazione.

Cos’è quindi la libertà? L’uomo sceglie davvero? Sono le domande frequenti che troveremo nelle 318 pagine di questo romanzo brillante. Il libro è strutturato come se fosse un collage di pagine di diario dei tre protagonisti. Infatti ognuno di loro racconterà gli avvenimenti della storia e proprio dal confronto con le diverse versioni, il lettore potrà captare i caratteri dei personaggi, le loro impressioni sulla vita, le loro paure, il loro bisogno di essere diversi.

Tecnicamente il libro scorre ed è piacevole. La scrittura asciutta, semplice e diretta rende appetibile anche Sartre. Un romanzo per tutti, per l’adolescente e il lettore più appassionato e colto. Una letteratura innovativa, da un certo punto di vista, che non aggiunge nulla al genere ma che lascia a chi legge la possibilità di immedesimarsi in questa storia così universale.