Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Il mio bandito dal cuore rock - Nel nuovo romanzo di Carlotto la storia di un ribelle realmente esistito

Autore: Ida Bozzi
Testata: Corriere della sera - Milano
Data: 3 ottobre 2006

Era un contrabbandiere, con una vita di frontiera e un'etica tutta sua, che amava il rok'n'roll e il partito comunista: Beniamino Rossini è il protagonista del nuovo libro di Massimo Carlotto, La terra della mia anima (e/o editore), presentato stasera allo Spazio Oberdan (gli organizzatori riferiscono il tutto esaurito [...]). Presentazione insolita, teatrale, di spettacolo e musica "all stars", con musicisti come Ricky Gianco, il pianista Patrizio Fariselli, il sax di Maurizio Camardi e la regia di Velia Mantegazza. Lo stesso Carlotto sarà voce narrante: "Ho scritto un romanzo sul contrabbandiere che appare fin dal mio primo romanzo a fianco del protagonista, l'Alligatore. E' un personaggio esistito, ci siamo conosciuti in carcere: poi abbiamo mantenuto i rapporti, girava con le copie dei miei libri, dicendo fiero che si parlava di lui". La conoscenza tra i due risale all'epoca in cui Carlotto, ventenne, era in carcere con l'accusa di omicidio, vicenda che si concluse con la grazia.

Il racconto della vita di Rossini, che Carlotto afferma di aver "solo romanzato, con l'ovvio ausilio della tecnica narrativa", è uno spaccato dell'Italia di oggi, vista con gli cchi di un "marginale": dalla vita di frontiera sui monti, ai traffici durante la guerra in Jugoslavia. Spiega Carlotto: "Un giorno è arrivato dicendomi che era malato di cancro, e che dovevo scrivere la storia della sua vita. E' rimasto a casa mia dieci giorni, e ne è nato il racconto di un uomo a modo suo straordinario. Negli ultimi anni aveva cambiato vita: era dirigente di una squadra di calcio. E' morto nel maggio scorso". Che fosse un personaggio di un mondo che non c'è più lo conferma anche Ricky Gianco: "L'idea di realizzare uno spettacolo è venuta a Carlotto, ma gli artisti di stasera, me compreso, conoscevano Rossini. Era uno che ha scoperto lo stesso giorno il mare e il rock'n'roll, uno così. Nello spettacolo ci si cala in quell'atmosfera degli anni Settanta, quel mood, la nostra musica, e un mondo che era diverso. Alle prove mi sono emozionato. Un inno all'amicizia e a certi valori che non ci sono più".