Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Stricnina rosso sangue

Testata: Gioia
Data: 19 maggio 2011

Come un vampiro, si nutre dell'energia delle persone che rovina: fare del male lo diverte e lo fa sentire meglio. E non si concede tregue, perché, anche in amore (sempre  che ne conosca il significato), il suo sadismo si riduce a una questione più di dominio che di sesso. Diventato famoso con un simpatico investigatore, L'Alligatore, Carlotto ha fatto diventare seriale con questo noir un altro personaggio, il Giorgio Pellegrini del suo romanzo forse più bello, Arrivederci amore ciao, trasformandolo in un caimano che aspetta le sue vittime acquattato nel l'ombra. L'Italia che ruota intorno a lui, fatta di politici corrotti, alta borghesia dalle mani pulite, ma abile burattinaia e criminali che vanno là dove c'è il denaro, non lascia molte speranze Scrittura feroce come veleno per topi, letale anche a piccole dosi. Consumare con cautela: ma i più coraggiosi alzeranno già scudi contro l'amoralità in cui si dibatte il nostro Paese.