Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Il fantasma di Piazza Statuto

Autore: Viviana Filippini
Testata: Liberidiscrivere
Data: 1 giugno 2012

Cari amici lettori vi è mai capitato di passare notti insonni? O meglio, come trascorrete il tempo in quelle lunghe nottate in cui riuscite a chiudere occhio? Annetta, la protagonista di Il fantasma di piazza Statuto di Massimo Tallone ha capito perfettamente come occupare l’eterna catena di minuti che separano la notte dal giorno. Cosa fa? Semplice, l’arzilla ultrasettantenne rimane nel suo divano-lettuccio ascoltando gli strani rumori e fruscii provenienti dalla casa del suo vicino, quella del defunto pittore Ettore Doro. L’artista è morto da tempo e la sua abitazione è occupata dalla sorella Maria e dal taciturno figlio di lei, l’emaciato Corrado. Lei passa i giorni a riordinare le carte e le opere del fratello morto, il nipote è disinteressato in modo totale e non a caso vive le sue giornate davanti al computer a fare cosa nessuno lo sa. La notte mentre tutti dormono Annetta,  con la mente lucida come non mai, ascolta qualcuno che nello studio accanto cerca e sfoglia in modo ossessivo le carte del pittore. Ma chi è che ogni notte si intrufola in quella stanza? Un ladro, un parente del defunto alla ricerca di qualche tesoro artistico nascosto o il fantasma di Ettore Doro? Annetta non si da’ pace e la sua determinazione a trovare una spiegazione la porta ad assoldare Angelo Pirola un esperto occultista torinese. All’inizio Pirola non prende sul serio Annetta, anzi dal mio punto di vista la ritiene poco attendibile e anche un po’ svitata, ma poi quando il povero Corrado viene ritrovato cadavere, ruzzolato giù dalle scale non si sa come, l’esperto di esoterismo comincia a sommare tutte le informazioni che l’ex portinaia gli passa. Con tutta la sua comica spontaneità Annetta ci porta dentro ai salotti culturali di Torino dove, accanto a Maria Doro compaiono giornalisti stropicciati come Tom Sanelli, galleriste come la prorompente Ivana Musso che più che esperte d’arte assomigliano a delle pin-up alla ricerca d’uomini e ancora sensitive in contatto con le presenze dell’aldilà (Euridice) ed esperte di teosofia (Milly). Tallone non tralascia nulla ne il Fantasma di piazza Statuto e tra i diversi attori narrativi troviamo due giovani (Corrado e l’amico -  parola da usare con le pinze in questo caso – Marcello) un po’ amorfi, taciturni, solitari, del tutto persi nel mondo del web.  Loro sono il ritratto di una gioventù che ha perso un po’ troppo i contatti con la realtà concreta, quella fatta dal contatto e dal dialogo con le altre persone, per lasciarsi fagocitare in modo quasi completo dalla dimensione virtuale. L’intreccio narrativo scorre veloce ed è reso ancora più coinvolgente e intrigante dall’inserimento di tragicomiche sedute spiritiche evocanti ectoplasmi parlanti e dalla presenza più è meno materica di fantasmi. Questo nuovo romanzo di Tallone (già autore di gialli come Piombo a Stupinigi, Veleni al Lingotto e Doppio inganno al Valentino, tutti editi dai Fratelli Frilli) è un curioso giallo che ha nei panni del detective in gonnella una donna comune, di umili origini. La simpatica e un filino logorroica settantenne vedova Annetta, alla quale è impossibile non affezionarsi, è la voce narrante della storia, che attraverso uno sguardo puro e una parlare semplice, trascina chi legge nel misterioso mondo della famiglia Doro. Annetta incarna la vispa donna di una certa età dalla formazione culturale umile – quello che sa’ lo ha imparato dai programmi di Piero Angela e non dai libri o tra i banchi di scuola – che nonostante non abbia i mezzi e le conoscenze degli investigatori o la cultura elevata degli intellettuali incontrati in casa Doro, riesce a trovare tutti gli indizi utili da fornire a Pirola per risolvere l’omicidio del giovane Corrado. Il tutto si sviluppa in una Torino ammantata da una perenne ombra che le dona un senso di durevole oscurità incombente sulle case e sugli animi dei personaggi. I vari protagonisti sono una evidente rappresentazione dei molteplici caratteri di quella che per l’autore è la pura “torinesità”, in perenne bilico tra il dubbio e la curiosità, tra la fascinazione per l’esoterico e l’approccio razionale alla realtà cittadina. A dare man forte a questa caratteristica c’è poi la mitica Piazza Statuto, uno dei più importanti slarghi di Torino, luogo di passaggio dalla luce alle tenebre (evento presente anche nel giallo di Tallone) attorno al quale da sempre ruotano vicende storiche (qui fu messa la ghigliottina e il nome del piazzale è un esplicito omaggio allo Stato Albertino), misteri e leggende che l’hanno resa nel tempo uno dei luoghi più seducenti e misteriosi del capoluogo sabaudo.