Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Il mio romanzo suona il rock

Autore: Laura Pezzino
Testata: Vanity Fair
Data: 8 giugno 2012

Si chiama Una brutta storia (Edizioni e/o, pagg. 460, 16 euro), è stato scritto dal trentenne cagliaritano (quanti bravi scrittori ci sta dando la Sardegna?) Piergiorgio Pulixi, ed è una sorta di Romanzo criminale all’incontrario. Il protagonista è infatti l’ispettore della Narcotici Biagio Mazzeo che è a capo di una squadra sì, ma di spietati poliziotti corrotti. La storia (che è bella, a dispetto del titolo) si apre con la sequenza dell’uccisione di un ragazzino, traditore e poi tradito, che si lascia dietro il cadavere eccellente di un ceceno che sarebbe stato meglio mantenere vivo e vegeto (come si dice, quando si calpesta una…).
Una brutta storia, eccezionale noir scaccia-sonno, è uscito nella collana Sabot/age, curata da Massimo Carlotto (di cui l’autore è stato allievo) e diretta da Colomba Rossi.
Pulixi (che ha un nome che potrebbe anche essere il soprannome di uno dei suoi personaggi) ha anche «composto» una colonna sonora ad hoc per il suo libro: «La musica è stata una componente fondamentale di Una brutta storia. Nella versione orginale c’erano tantissime citazioni di brani; con il mio bravissimo editor abbiamo deciso di eliminarne un po’, perché troppe citazioni ammazzavano un po’ il ritmo».
Perciò ha deciso di inserire in una playlist che trovate qui tutte le canzoni che ascoltava mentre stava scrivendo (in sottofondo aveva sempre Virgin Radio, racconta), e il suo è decisamente un libro rock.