Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

La notte alle mie spalle - Giampaolo Simi

Autore: Giorgio Picarone
Testata: L'angolo del Nero
Data: 16 giugno 2012

Questo libro non è un libro qualsiasi. Questo libro è un caleidoscopio di immagini e situazioni che portano luce su un dramma comune, la nascita e lo sgretolamento di una famiglia.
Attraverso l'io narrante del protagonista Furio Guerri, il lettore si cala in un dramma silenzioso che può essere comune a milioni di famiglie sulla faccia della terra.
Furio infatti è marito impeccabile, padre affettuoso e rappresentante di una tipografia importante. Ma egli è anche "un mostro", conduce una vita fatta di inganni e continue persecuzioni.
"La mia seconda vita è quella di Furio Guerri, il mostro", un mostro che circuisce una maestra con l'intento di avvicinarsi ad una sedicenne di nome Caterina su cui ha messo gli occhi.
I continui balzi temporali all'interno del libro, atti a confondere e spiazzare il lettore, raccontano le varie fasi della vita di Furio: dal liceo e al corteggiamento della bellissima moglie Elisa, del lavoro e le difficoltà con la tipografia, del lento sgretolamento e del vano recupero di salvare la sua famiglia fino alla fatidica notte, pietra angolare di tutta la vicenda.
"Ma a che mi serve guardare indietro, se alle mie spalle c’è sempre e solo la notte?”, una notte attraverso la quale Gianpaolo Simi guida per mano chi legge, stravolgendo passo dopo passo ciò che si credeva di avere capito durante il corso della narrazione fino al colpo di scena finale.
Un libro che utilizzando il punto di vista del colpevole, descritto in modo mirabile ed minuzioso in ogni sua sfaccettatura, pone al lettore molti interrogativi su un tema che ricorre spesso al giorno d'oggi nella società moderna.
Un libro che chiede al lettore di rispondere alla domande se, chi ha commesso un errore, possa riscattarsi senza perdere davvero tutto."..Per la colpa c’è sempre il perdono. Per l’errore, invece, neanche l’oblio.”.
A coloro che leggeranno questo splendido libro, l'ardua sentenza.