Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Il delitto, il doping: Attila indaga, Foschi fa centro

Autore: Pino Nazio
Testata: Corriere Nazionale
Data: 12 agosto 2012

L'Italia è sconvolta dalla notizia del doping che ha travolto alle Olimpiadi di Londra il marciatore Alex Schwazer, le sue lacrime hanno fatto il giro del mondo. Alcune settimane fa il libro di Paolo Foschi, giornalista del Corriere della sera alle prese con il suo primo giallo, aveva previsto tutto. O quasi. Il libro, "Delitto alle Olimpiadi" (ed.e/o), ruota attorno al personaggio del commissario Attila, ex-olimpionico riciclatosi come dirigente della sezione crimini sportivi, che si trova tra le mani il delitto di una promessa di medaglia in partenza per Londra. La tramasi dipana attraverso colpi di scena fino a intrecciarsi con una storia di sostanze proibite e... ci fermiamo qui. Il lettore, specialmente in vacanza, può farsi rapire per qualche ora da questo testo scorrevole e per nulla scontato su un mondo che molto spesso sconfina nella cronaca. Rosa o nera che sia. L'autore ha messo nella scrittura le sue grandi passioni, la letteratura, la musica e lo sport, regalandoci dotte citazioni musicali e curiosi retroscena.La squadra che dirige Attila è composta da strani personaggi. C'è l'accanito scommettitore Lillo Santoni, esperto del sottobosco delle puntate clandestine; la promessa
- non mantenuta - del basket Fiocco di neve, il cui vero nome è Palmiro Giovannelli, nero come il petrolio, adottato illegalmente di una coppia di fanatici comunisti emiliani; l'ex ciclista frequentatore del doping Checco Rossi, che è riuscito a farla franca grazie a conoscenze altolocate e il Conte, personaggio dal sangue blu che ne ha fatte di cotte e di crude. Il libro inizia con una scena notturna ambientata lungo la spiaggia di Ostia,dove sorge il centro sportivo in cui gli atleti vivono in ritiro in attesa della partenza per Londra. Ma non tutti riusciranno a raggiungere la capitale inglese: un corpo inerte di donna giace sulla sabbia in una pozza di sangue. Marinella Paris era un'ostacolista giovane e bella su cui erano puntate le speranze del team italiano. Allo scontroso ed ex-pugile Attila, i facili colpevoli non piacciono e - contro la volontà dei suoi superiori - scopre un'altra verità. Anche se i colpi di scena non sono finiti. E neppure le indagini del commissario Attila: è già in uscita il secondo libro di questa serie.