Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

L'amica-nemica che c'è in noi

Testata: Lombardia Oggi
Data: 5 novembre 2012

Torna con la sua scrittura magnetica Elena Ferrante, autrice napoletana avvolta nel mistero (nessuna foto, nessuna intervista) alla quale si devono «L'amore molesto» (da cui il film di Mario Martone) e i dolorosi «Giorni dell'abbandono». «Storia del nuovo cognome » è la seconda parte dell'«Amica geniale» del 2011. Racconta di Lila ed Elena, due sedicenni cresciute in un quartiere periferico di Napoli: Lila si sposa abbandonando gli studi, si arricchisce, ha un figlio ma è innamorata solo dell'amore per la cultura, da cui è attratta e impaurita. Lo stesso vale per Elena, più bruttina e povera dell'amica, che però continua a studiare e finisce alla Normale di Pisa, dove la sua vita cambia. Evolve, cresce. Ma rimane intrecciata a quella di Lila caduta in miseria e operaia in un salumificio. Da leggere.