Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Tre, numero imperfetto - Patrizia Rinaldi, E/O 2012

Autore: Marianna de Rossi
Testata: Corpifreddi
Data: 3 novembre 2012

“Napoli restava una sirena in età, bellissima, aggrappata con i denti all'amo d'argento, mentre i pirati le sezionano la coda ancora viva, lucente di squame e sangue.”

Avete presente gli occhi di un bambino quando finalmente ottiene il giocattolo che tanto desiderava? Bene, è con lo stesso entusiasmo che ho preso tra le mani l’ultimo libro di Patrizia Rinaldi, Tre, numero imperfetto!
Dopo aver amato così tanto Blanca, non vedevo l’ora di immergermi di nuovo insieme a lei e al commissario Martuscello per le strade di Napoli e finalmente ci sono tornata!
Il cadavere di Jerry Vialdi, nome d’arte del cantante napoletano Gennaro Mangiavento viene trovato in posizione fetale, all’interno della porta dello stadio San Paolo di Napoli, tra i denti l’erba del campo di calcio. Qualche giorno dopo la scena si ripete al Bentegodi di Verona, questa volta però si tratta di una donna. Stessa posizione, stesso modus operandi;  il commissario Martusciello, l’ispettore Liguori e la sovrintendente Blanca Occhiuzzi si ritrovano così ad indagare su un caso che sembra non portare da nessuna parte. Interrogano, fanno sopralluoghi, setacciano ogni prova, ma il killer sembra più in gamba di loro…
Leggere Patrizia Rinaldi è per me un piacere che scivola lentamente pagina dopo pagina, parola dopo parola immergendosi totalmente nella sua prosa viva ed elegante.
Le parole prendono vita nella mia testa, acutizzano i miei sensi, e quando arrivo alla fine mi sento sempre soddisfatta, ma anche un po’ orfana perché per un po’ so che dovrò fare a meno dei suoi personaggi e della sua Napoli piena di ombre ma viva degli odori e dei sapori che attraverso Blanca riesce a far arrivare a me. Sarà lei infatti, grazie  ai suoi formidabili sensi a mettere insieme i pezzi della storia, anche se come è nello stille della scrittrice il “giallo” sembra più uno strumento abilmente studiato per trascinare il lettore altrove.
Quello che maggiormente sembra interessarle è scrutare l’animo umano e coglierne l’essenza; veder germogliare nei suoi personaggi sentimenti come odio, amore, gelosia fino a farli esplodere in tragedia ma anche passione. Ce n'è tanta questa volta, e sarà travolgente.
Se avete amato Blanca, non potete non leggere Tre, numero imperfetto, se ancora non la conoscete non perdete altro tempo!