Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Paolo Foschi: "Vi presento il commissario Attila"

Autore: Fabrizio Roncone
Testata: Io Donna / Corriere della Sera
Data: 24 novembre 2012

Diciamosubito di essereamici, tu pure sei un giornalista del Corriere, ma la novità è averti scoperto scrittore di gialli. Giuro che quando mimandasti quell'sms così minaccioso…
Oh, no, non vorrai raccontare che…
Come no? Allora, antefatto: io, per questa rubrica, intervisto Maurizio De Giovanni e sostengo che tra i giallisti italiani è il più bravo. Tu però mi invii un messaggio che, più o meno, dice così: «Prima di esprimere giudizi definitivi, leggi almeno il mio libro».
Una provocazione che... mi ha portato bene.
Un primo romanzo Delitto alle Olimpiadi (ed. E/O) che è stato un successo, adesso, subito Il castigo di Attila. Dai, racconta chi è Igor Attila…
Be', è il protagonista dei miei gialli: commissario al comando della Sezione crimini sportivi della questura di Roma, discendente dell'ultimo zar di Russia, un ex pugile medaglia d'argento a Seul nel 1988 che vive un po' sospeso tra la frustrazione per il mancato oro e le speranze legate alla travagliata storia d'amore con Titta. Un commissario che corre in moto e suona la chitarra, alla guida di una pattuglia di agenti anche loro ex atleti, ex dopati, ex farabutti… Una banda unpo' sconclusionata di investigatori che cercano di andare in fondo alle inchieste. Nel primo romanzo c'era il doping sullo sfondo, nel secondo il commissario Attila indaga sul calcio scommesse. Storia romanzata ma attuale, no?