Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Il tributo di Schio Comics a Mila. Una mostra per l'eroina inventata da Matteo Strukul

Autore: Luca Valente
Testata: Viavai
Data: 15 maggio 2013

Ventisette affascinanti tavole per un personaggio letterario che sta diventando un cult nel panorama del noir italiano.
Un tributo che il Collettivo di Schio Comics ha creato per omaggiare Mila Zago, la spietata protagonista dei romanzi di Matteo Strukul: La ballata di Mila, opera d'esordio ambientata sull'Altopiano dei Sette Comuni, e Regina Nera, seconda puntata (stavolta siamo in Trentino) di una saga destinata a proseguire.
L'occasione è stata data dal recente passaggio a Schio di Strukul, scrittore padovano fondatore del movimento culturale Sugarpulp, per una rassegna letteraria organizzata dal ramo scledense dell'associazione stessa. A Palazzo Toaldi Capra, oltre alla presentazione di Regina Nera (pubblicato dalle edizioni E/O come l'episodio precedente) si sono potuti ammirare i disegni realizzati dagli artisti di Schio Comics. Una mostra tutta per Mila, personaggio moderno che da giovane ha subito violenze e lutti che l'hanno profondamente segnata, accrescendo il suo rancore verso un mondo maschilista e facendola diventare una cacciatrice di taglie.
Femminicidio, sette sataniche e politica sono fra i temi del romanzo, narrati con uno stile capace di fondere il genere pulp e i ritmi del cinema e del videogioco, con l'hard rock come colonna sonora. E la forza dell'arte visiva (già Mila è diventata un fumetto affidato alla matita di Alessandro Vitti) la si è colta anche nelle tavole esposte da Schio Comics, ventisette varianti dell'eroina killer con un unico comune denominatore ben conosciuto dai lettori di Strukul: capelli rossi coi dreadlocks e armi da taglio a profusione.