Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Oggi Medusa è l’inquinamento ma non si può più decapitare

Autore: Mario Baudino
Testata: La Stampa
Data: 30 giugno 2013

[...]
La letteratura si confronta col male, un male assoluto e insensato; e non c’è dubbio che se riuscissimo davvero a vederlo, a fissare gli occhi sul suo volto, ne resteremmo impietriti. In questo senso Medusa ne è lo specchio, e non la sostanza.
Il mito di Medusa ha affascinato l’arte e la letteratura occidentale. Decapitarla, come fa Perseo, significa per l’uomo ritornare alla ragione. Ma nel romanzo di Conte, e forse nella nostra contemporaneità, decapitarla non è più possibile. Accade, per un curioso parallelo anche in un altro ottimo libro uscito per e/o di Massimo Maugeri, "Trinacria Park" . Siamo nel giallo, ambientato a Catania. E la Medusa del Caravaggio compare anch’essa seducente e minacciosa, monito ai personaggi e ai lettori. Come direbbe Conte, il vero «impegno», in letteratura, non può che usare la lingua del fantastico.