Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

“Blanca”. L’ultimo capolavoro di Patrizia Rinaldi spopola tra i lettori.

Testata: Leggimi Forte
Data: 28 luglio 2013

Uscita da poche settimane l’ultima “creatura” partorita dalla penna della scrittrice amica Patrizia Rinaldi. La gustosa novità, dal titolo “BLANCA” e che porta il marchio editoriale di E/O  sta riscuotendo un notevole successo dimostrato dalla particolare attenzione dei media. Una storia avvincente e anche un po’ agghiacciante, decisamente adatta a farci compagnia in quest’estate calda e torrida.Il racconto si concentra sulle peripezie legate ad un caso particolare in cui sono alle prese il commissario Martusciello e l’ispettore Liguori. Tre storie molto diverse che apparentemente hanno una connessione fra loro tramite indizi vari. La coppia che si cimenta nelle indagini è speciale e con aspetti caratteriali del tutto diversi; il primo appartiene alla classe popolare, il secondo invece ama darsi più arie del dovuto, o comunque più di quanto in realtà potrebbe permettersi. Solo quando la trama si colora di rosa con l’arrivo di Blanca, una meravigliosa donna cieca che riesce grazie o purtroppo a questo handicap, ad andare oltre e ad avere un fiuto sensibile per le indagini. Grazie al suo intervento, il trio porterà a compimento l’indagine arrivando a scoprire una macabra verità che coinvolgerà molteplici personalità, senza distinzione legata ai luoghi di provenienza (periferia e centro città).Un frullato di emozioni colorate di giallo che evidenziano maggiormente il raffinato gusto dell’autrice, una donna partenopea dal carattere estremamente solare, con una vena ironica ed un temperamento forte e audace.In occasione di quest’ultima uscita abbiamo avuto la possibilità di chiedere alla scrittrice qualche curiosità personale riguardo il suo rapporto con la scrittura e il particolare legame costruito con le case editrici.

- QUALE ELEMENTO SECONDO TE STA DETTANDO L’ENORME SUCCESSO DI BLANCA? TE LO ASPETTAVI?
No. Ho avuto la sorpresa piacevole dell’attenzione della stampa e dei lettori. Forse può destare interesse un personaggio che riesce a trasformare un limite in risorsa, tuttavia da lettrice spesso mi affeziono a dettagli che magari non sono centrali per la narrazione, ma lo sono per me. La libertà di scegliere le forme e i contenuti preferiti resta ai lettori. “Blanca” è una riedizione rivisitata e con parti inedite. È il prequel di “Tre, numero imperfetto” uscito con la stessa casa editrice, e/o, nel 2012 e che dal 6 agosto sarà possibile trovare nella traduzione inglese di Anthony Shugaar per Europa Editions e nel 2014 nella traduzione tedesca di Ulrike Schimming per Ullstein. Nel 2014 e/o pubblicherà anche il terzo libro della serie.

- CHE TIPO DI RAPPORTO HAI CON LE CASE EDITRICI CON CUI PUBBLICHI E QUANTO, SOPRATTUTTO CONSIDERI IMPORTANTE IL LEGAME CHE SI VIENE AD INSTAURARE TRA LE DUE PARTI?
Attualmente ho due forti riferimenti editoriali: e/o e Sinnos, scrivo anche per ragazzi. Con loro imparo, ho uno scambio che mi migliora, fiducia e senso di appartenenza. I legami così riusciti mi aiutano e mi danno coraggio.