Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Allegria, nonostante tutto

Autore: Goffredo Fofi
Testata: Internazionale
Data: 30 agosto 2013

Non sono pochi i romanzi, le storie di vita, le inchieste che in questi anni ci hanno narrato storie di disabili e di emarginati, anche dall'interno di un'esperienza diretta, di una vicinanza reale. È diventato presto un "genere" di cui è legittimo diffidare, per i tanti che vi ricorrono per astuzia di mercato e non per convinzione o per vicinanza e dolore. Il romanzo dell'esordiente Cristina Lio è tutt'altro, perché l'esperienza dell'autrice - cresciuta in una comunità di accoglienza calabrese dove sono passati molti tipi umani e si sono incontrati molti tipi di diversità o disagio- è autentica e forte, a volte drammatica, ed è una sorta di "piccole donne crescono" la cui freschezza nasce da quel modo davvero diverso di "crescere". La prima riga: "Ieri ho compiuto undici anni ed è iniziata l'estate"; l'ultima: "Mio padre mi ha detto: 'Attenta a dove metti i piedi'". Perno di questa crescita, il ruolo da saggio confidente del disabile Alfredo, destinato a morte precoce, e quello da sventata della ragazza Alice, una tossica vitalissima che rivendica la sua autonomia. Intorno, un coro di personaggi "normali" e "diversi" che possono apparire strani solo a chi non si confronta col "sociale" che ci attornia. Difficile prevedere il futuro di scrittrice di Lio, ma la simpatia e commozione che qui ci comunica sono dovute alla sua lievità e alla sua allegria, nonostante tutto.