Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Piergiorgio Pulixi - La notte delle pantere

Autore: Luca Mirarchi
Testata: Blow-up
Data: 28 giugno 2014

«La guarra era iniziata», questa è la prima frase de La notte delle pantere, noir metropolitano che comincia dove terminava Una brutta storia (2012), primo capitolo della saga dell'ispettore della Narcotici Biagio Mazzeo e della sua squadra di poliziotti corrotti. Mazzeo è un personaggio complesso, pieno di ambizione, carismatico e brutale, ma anche generoso e protettivo verso la sua famiglia, il branco di agenti che spadroneggiano in città (la giungla), per garantire lo status quo e accumulare sempre più potere e denaro. La guerra vede coinvolte le propaggini della 'ndrangheta nel Nord Italia che vogliono affrancarsi dalla casa madre. Lo Stato non può agire per vie ufficiali (troppi politici e funzionari corrotti), così Mazzeo viene scelto per "fare pulizia". Il poliziotto adesso è in carcere, accusato dell'omicidio di un vicequestore che indagava su di lui. Non solo: anche la 'ndrangheta lo minaccia, rivuole indietro i duecento chili di cocaina che il branco ha sottratto in uno scambio di mafia finito nel sangue, e per ritorsione ha già ucciso uno dei suoi uomini. Se Mazzeo vuole vendicarlo, dovrà accettare "l'incarico", ma per proteggere la sua famiglia, stavolta, sarà costretto a tenerla fuori dai giochi (aspetto che consente una lettura autonoma del nuovo libro). Una brutta storia era una romanzo corale, che scavava nel passato dei personaggi per motivarne le scelte; La notte delle pantere riesce a dire tutto soltanto con i dialoghi, il ritmo e i colpi di scena. Anche il tempo è compresso, solo pochi giorni e una notte - per salvarsi e rialnciare ancora, dato che l'hybris non conosce requie. Così come permane il respiro di un'epica urbana che attinge sia dalla tragedia classica (la forza del caso, il male che scioglie l'amore in odio), sia dalle serie TV (The Shield, The Wire), oltre che dai classici americani (Ellroy, Ed McBain) e dal poliziesco d'inchiesta di Massimo Carlotto, non a caso maestro di Piergiorgio Pulixi; un giovane autore che in quest'ultima prova continua ad offrire uno spaccato realistico del nostro tempo senza rinunciare ad un entertainment di alto livello.