Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Librofilia intervista Fabio Bartolomei

Autore: Chiara Ruggiero
Testata: Librofilia
Data: 23 luglio 2014

Fabio Bartolomei, nato a Roma nel 1967, è un autore davvero irresistibile poiché grazie alla sua penna ironica e brillante e al suo sguardo lucido e attento, offre in tutte le sue opere, uno spaccato unico e inimitabile di questa nostra italietta piena di contraddizioni.
La scorsa estate, ho avuto il piacere di leggere il suo romanzo d’esordio Giulia 1300 e altri miracoli, pubblicato da Edizioni e/o nel2011 e non ho potuto fare a meno di sbellicarmi dalle risate, dalla prima all’ultima pagina.
Nel 2012 esce il suo secondo romanzo La banda degli invisibili e l’anno successivoWe are family, entrambi pubblicati daEdizioni e/o.
Fabio Bartolomei, è certamente una delle migliori penne italiane in circolazione, forse perché i suoi libri fanni davvero bene all’umore.
Personalmente ringrazio Fabio Bartolomei per aver accettato questa intervista!!!

- Da bambino cosa sognavi di diventare “da grande”?

Per tutta l’infanzia e breve parte dell’adolescenza: il pompiere. Poi sono entrato in confusione.

- Qual è stato in assoluto il primo libro che hai letto e che ricordi?

Si chiamava Tompusse e il romano antico. Purtroppo l’ho perso e, a essere onesti, i ricordi sono piuttosto vaghi.

- Come sei stato scoperto dai tuoi editori? 
Sono andato sul sito delle edizioni e/o, ho letto le istruzioni sull’invio dei manoscritti e ho mandato il mio primo romanzo Giulia 1300 e altri miracoli via mail.

- Hai qualche mania come scrittore?

Ne avevo già tante prima di diventare scrittore, non m’è parso il caso di aggiungerne di nuove.

- Ascolti musica mentre scrivi?

Dipende, a volte sì, e in quei casi prediligo la musica classica o i brani strumentali in genere (le parti cantate mi distraggono). Altre volte mi lascio ispirare dalle bestemmie del gommista sotto casa.

- Cosa ne pensi dell’editoria a pagamento?

Non è editoria.

Cartacei o e-book?

Non voglio passare la vita davanti ai monitor, almeno quando leggo preferisco guardare dei fogli di carta.

- Cosa consiglieresti ad un aspirante scrittore?

Tutti consigliano di leggere. Giustissimo. Io consiglio anche di rileggere. Quando un romanzo ci colpisce bisogna leggerlo e poi smontarlo pezzo a pezzo per vedere come funziona.

librofilia-intervista-fabio-barolomei
- Un motivo per il quale consiglieresti a tutti di leggere i tuoi libri?

Sono usciti in edizione tascabile, costano poco.

- Autori/autrici che stimi in assoluto?

Sarebbe un elenco troppo lungo. Tagliando corto: John Steinbeck e Elena Ferrante.

- Cosa stai leggendo in questo momento? 
Esche vive di Fabio Genovesi, poi mi tufferò nel terzo volume de L’amica genialedi Elena Ferrante.

- Quali sono i tuoi progetti futuri?
Se nessuno ha niente in contrario io continuerei a scrivere romanzi.