Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

La notte delle pantere, di Piergiorgio Pulixi

Autore: Simona Tassara
Testata: Rivista fra le righe
Data: 22 luglio 2014

Trama originale: Soldi, sesso e potere. L’ispettore Biagio Mazzeo è a capo di un’unità composta da poliziotti duri specializzati nella lotta al crimine e disposti a seguirlo come un padre. Questo li porta spesso a oltrepassare il labile confine tra legalità e illegalità. Per salvare i suoi uomini da uno scandalo di crimini e corruzione, Mazzeo finisce in carcere. Ma il suo sacrificio non può fermare le conseguenze di anni di comportamenti criminali. La sua squadra infatti ha messo le mani sulla partita di droga sbagliata. E ora i proprietari la rivogliono indietro. Ma non sono criminali comuni: si tratta di ‘ndrangheta, mafiosi disposti a tutto pur di riaverla. Da dietro le sbarre Mazzeo non può fare nulla per aiutare i suoi. A meno che non scenda a patti con la legge scegliendo di imbarcarsi in una missione sporca e suicida. Una giovane funzionaria di Polizia propone al poliziotto corrotto un patto: lo tirerà fuori e farà cadere tutte le accuse se lui farà qualcosa per lei: fermare una guerra già dichiarata. In un crescendo di violenza, vendette e corruzione, Biagio Mazzeo dovrà scegliere da che parte stare perché questa volta non c’è in gioco soltanto il distintivo, ma la vita. Recensione: Biagio Mazzeo è tornato. Per chi ha avuto la fortuna di leggere Una brutta storia (Edizioni e/o, 2012), primo adrenalinico capitolo della serie dedicata all’ispettore superiore della Narcotici e alla sua banda di poliziotti corrotti (“la mia famiglia”, puntualizzerebbe Mazzeo con qualche buona ragione: quel branco d’anime allo sbando rappresenta il suo unico, ancorché fragilissimo, legame con la sfera degli affetti), basterà questa semplice frase a suscitare un moto di contentezza. Avevamo lasciato le pantere della Narcoticicon trecento chili di cocaina purissima fra le mani e un mare di sangue e violenza dietro le spalle; “Non c’era bisogno di parole per capire che una nuova guerra era appena iniziata”, recita l’explicit di “Una brutta storia” e il secondo capitolo – la seconda puntata, verrebbe da dire nella speranza di veder presto gli eroi pulixiani sul grande o sul piccolo schermo – riparte precisamente da qui:

La guerra era iniziata. Questo pensò Irene Piscitelli appena vide i tre cadaveri nell’hangar. Stracci nelle nocche per impedire loro di urlare e un colpo alla nuca per ciascuno. Ma il particolare che attirava l’attenzione era un altro: a tutti erano state amputate le mani. Dalla quantità di sangue presente sul pavimento capì che gliele avevano tagliate quand’erano ancora in vita. Un messaggio abbastanza esplicito: finitela di rubare.

L’avvio in quinta marcia incatena alla pagina sin dalle prime battute e regala la sensazione di non aver mai lasciato la metropoli senza nome che fa da sfondo – vivo e pulsante, più vero del vero – alle gesta delle pantere. La “Giungla”, la chiamano tutti, e non vi è termine più appropriato per descrivere questa città ferita a morte in cui la parvenza d’ordine è mantenuta a suon di crimini e corruzione. La miscela perfetta di elementi drammatici, azione e pura suspense innesca in maniera prepotente (e fin quasi “dolorosa”, man mano che si procede con la lettura) il meccanismo del “devo” così ben descritto da Stephen King in “Misery”:

Poi, un bel giorno, il buco si spalanca e la luce risplende come un raggio di sole in un’epica di Cecil B. De Mille e si sa di aver generato il devo, vivo e famelico. Devo, come in: “Io credo che resterò su ancora qualche minuto, tesoro, devo vedere come finisce questo capitolo”. (…) Devo, come in: “Sì, so che dovrei essere già di là a preparare la cena e mi pianterà una grana se saranno surgelati anche questa sera, ma devo vedere come finisce”.

Devo, devo sapere se Mazzeo salverà tutti, se perderà strada facendo quel poco d’anima che gli resta; se ce la farà. Devo saperlo subito. Le papille del piacere letterario sono solleticate al punto che ci sorprendiamo perfino a spasimare per questo feroce – e più che riuscito - antieroe tragico, a provare una sorta di beata indulgenza per la sequela di scelleratezze di cui si rende protagonista (salvo poi, recuperato il senno che la buona prosa di tanto in tanto fa venir meno, avvertire qualcosa di maledettamente simile al senso di colpa). Merito di Piergiorgio Pulixi e del suo straordinario talento per la narrazione: “La notte delle pantere” convince ed avvince provocando come unico, inevitabile effetto collaterale una fortissima Mazzeo-dipendenza. Poiché l’epilogo de “La notte delle pantere” e fonti oltremodo attendibili annunciano l’arrivo di un bastimento carico di nuove avventure *, la mia modesta proposta è la seguente: procuratevi in tutta fretta, qualora non lo abbiate già letto, il primo capitolo della saga e gustatevi entrambi i titoli come se si trattasse di un unico, grande romanzo. Se amate il dramma poliziesco ad alta tensione, i personaggi forti e l’arte del raccontare (belle) storie non resterete delusi e attenderete con ansia la prossima pubblicazione. * trovate qui alcune gustose anticipazioni L’autore: Piergiorgio Pulixi è nato a Cagliari nel 1982 e vive a Londra. Presso Edizioni E/O ha pubblicato, oltre a La notte delle pantere, Una brutta storia (2012), Un amore sporco (romanzo del 2010 inserito nel trittico noir Donne a perdere) e Perdas de fogu (2008, con Massimo Carlotto e il Collettivo Sabot). Nel maggio del 2014 ha pubblicato presso Rizzoli Padre Nostro, noir scritto “a sei mani” con Ciro Auriemma e Stefano Cosmo del Collettivo Sabot. Alcuni suoi racconti sono stati pubblicati sul Manifesto e su Micromega.