Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Sonno

Testata: DGmag.it
Data: 26 settembre 2008

Gregorio ed Eleonora vivono in una villa sull'Adda, ai margini di un manicomio abbandonato. Una mattina di luglio lui viene svegliato di soprassalto da Gina, una vecchia ex malata di mente, che gli fa da governante: sulla riva del fiume, davanti alla villa, in pochi centimetri d'acqua, giace il corpo senza vita di Eleonora. Un incidente, diranno le autorità giudiziarie: la donna, che era incinta, è svenuta ed annegata senza che nessuno potesse soccorrerla. Gregorio è distrutto dal dolore e dal senso di colpa. Cosma, il fratello gemello di Eleonora, un obeso di centocinquanta chili, è convinto che invece dietro la tragedia si nasconda un mistero.

L'insonnia, minando fisico e mente, rende la vita di Gregorio un inferno. Gli accadono fenomeni inquietanti e inspiegabili. Decide così di ricoverarsi presso una clinica del sonno, un ex sanatorio un po' lugubre, isolato tra le montagne. Qui Gregorio fa conoscenza di altri ospiti, tutti affetti da diversi disturbi del sonno: "oppressione spettrale", narcolessia, "parasonnia violenta", che può portare il soggetto a compiere azioni violente, in uno stato di sonnambulismo, senza averne coscienza. Gregorio si convince di soffrire di questo disturbo e di essere il colpevole della morte di Eleonora. La verità è molto più complessa, coinvolge personaggi diversi e non rassicuranti, affonda le radici in un passato torbido e rimosso, impone di portare lo sguardo nelle parti più oscure del proprio Sé. Un romanzo di grande suspense sul mondo misterioso del sonno, avvolto in un'atmosfera minacciosa che non ha precedenti nelle nostre lettere.