Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Il braccialetto

Autore: Caterina Morgantini
Testata: Mangialibri
Data: 18 dicembre 2014

Corrado e Leandro, quindici anni, hanno molte cose in comune: giovinezza, innanzitutto, curiosità e un peculiare amore per la vita. Eppure non potrebbero essere più diversi: ebreo il primo, escluso dal cerchio delle comuni cose e dunque desideroso di riscatto, affermazione, “gentile” il secondo, desideroso invece sopra ogni altra cosa di affetto, confinato com’è in una casa troppo grande che condivide con un’anziana parente russa. La scintilla della loro genuina amicizia scatta in un cinema di Roma, nel luglio del 1943, a pochi giorni dalla (presunta, sperata) caduta del fascismo e di tutti gli inutili orpelli di pietra e autorità, con il diffondersi di un irrefrenabile entusiasmo: trasformatosi poi, con il passare dei giorni e l’accumularsi dei cattivi presagi, in una tenue speranza affannosamente rincorsa dal precipitare degli eventi. E sopra la storia, sopra gli uomini, sembra sempre tintinnare quel braccialetto che Corrado credeva perduto per sempre, insieme alle sue vere origini…
Il braccialetto, ultima opera di Lia Levi, è la summa perfetta di molti temi: storico, essendo il romanzo ambientato nel caotico 1943; politico, con la spinosa questione ebraica in Europa e in particolare nella città di Roma (forse dimenticata, forse no, dal Vaticano); infine umano, con il racconto dell’amicizia tra due adolescenti. Ed è proprio partendo da loro, dal nucleo costituito dal rapporto tra due giovani e dalla repentina crescita di entrambi, che si dipana questo elegante e cupo romanzo, dove fatti già noti vengono raccontati attraverso gli occhi innocenti di Corrado e Leandro, assumendo una nuova sfumatura. Corrado e Leandro saranno zattere di salvataggio, appigli, l’uno per l’altro, mentre oltre il cerchio sicuro della famiglia, della scuola, bianco e nero si confondono in un’indistinta e pericolosa zona grigia: un limbo vischioso in cui bontà e cattiveria perderanno contorni definiti e riconoscibilità, rendendo più difficile per tutti difendersi e difendere.

http://www.mangialibri.com/node/16183