Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Jean-Claude Izzo e l'onda lunga del noir mediterraneo

Autore: Luca Crovi
Testata: Il Giornale
Data: 26 gennaio 2015
URL: http://www.ilgiornale.it/news/cultura/jean-claude-izzo-e-londa-lunga-noir-mediterraneo-1085508.html

A 15 anni dalla scomparsa esce la biografia dello scrittore

 

«Marsiglia non è una città per turisti», spiegava Jean-Claude Izzo nel romanzo Casino totale ('95).

Non la pensava diversamente suo padre, immigrato italiano sbarcato al porto di Marsiglia nel '29 e adattatosi a fare «il cane da banchina», sostenendo che «Marsiglia appartiene a chi ci vive». Una città dura ma meravigliosa, raccontata con passione in Jean-Claude Izzo. Storia di un marsigliese (Edizioni e/o, pagg. 144, euro 15) di Stefania Nardini. Una biografia che esce fra pochi giorni, esattamente a 15 anni dalla scomparsa dello scrittore, e ne presenta il volto umano, politico, sociale e letterario e illustra anche la sua città, impreziosita dai graffianti disegni in bianco e nero di Ivana Stoyanova e scandita da alcune liriche di Izzo tradotte da Luigi Bernardi.

In Casino totale , Chourmo , Solea , Il sole dei morenti , Marinai perduti Izzo si è fatto interprete di una nuova sensibilità narrativa battezzata «noir mediterraneo». L'humus in cui sono cresciute le sue opere è quello di un mondo in cui la malavita ha sempre spadroneggiato con i traffici di sigarette, alcol, armi, immigrati clandestini, prostituzione e riciclaggio di soldi sporchi. Quando il giovanissimo e squattrinato Gennaro Izzo sbarcò a Marsiglia, come racconta Stefania Nardini, «gli italiani erano già tanti a quell'epoca. Molti venivano dal Sud, e si diceva che alcuni avessero imposto la legge del rispetto. Specialmente siciliani e napoletani. Siamo nella Marsiglia di Paul Carbone e François Spirito. Una coppia di gangster considerati i padroni della città grazie anche all'alleanza con il vicesindaco Simon Sabiani. Malavita di una volta, povertà di sempre. I pescatori che venivano da Ischia, da Procida o da Ponza vivevano ammassati nei tuguri di Saint Jean, la parte bassa del Panier. Pasta e canzoni erano gli ingredienti di quella nostalgica allegria baciata dalla luce di una città in cui c'era posto per tutti. Dov'era fiorente il contrabbando del parmigiano che, per un lungo periodo, vantò il primato nel mercato nero».

Jean-Claude divenne scrittore dopo essere stato pacifista, attivista politico, libraio, bibliotecario, venditore ambulante, giornalista indipendente, inviato per il quotidiano La Marseillaise . Raccontò la Marsiglia del quartiere Panier. Scandì le sue storie con le musiche di Gianmaria Testa, Paolo Conte, Renato Carosone, Miles Davis, Ray Charles, Les Négresses Vertes, Massilia Sound Sistem, Mano Negra e Cheb Khaled. Scrive lo scrittore marsigliese: «nell'era della mondializzazione dei mercati, il ruolo del crimine organizzato nell'economia resta sconosciuto. Nutrita dagli stereotipi hollywoodiani e dal giornalismo scandalistico, l'attività criminale è strettamente associata, per l'opinione pubblica, al crollo dell'ordine pubblico. Vengono evidenziati i misfatti della piccola delinquenza, mentre il ruolo politico ed economico e l'influenza delle organizzazioni criminali internazionali restano invisibili». Proprio questo rapporto tra la società moderna e la criminalità il noir mediterraneo ha imparato a evidenziare e testimoniare, facendo così propria la lezione di Jean-Claude Izzo.