Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Il canto degli Innocenti - Piergiorgio Pulixi

Testata: 50 e 50 thriller
Data: 8 aprile 2015

TRAMA: Una serie di brutali omicidi perpetrati da adolescenti fra i dodici e i quindici anni sta mettendo in seria difficoltà la polizia. A indagare è il commissario Vito Strega, un brillante investigatore il cui lavoro è più una missione che un mestiere. Serve infatti un suo proprio ideale di giustizia più che le regole di procedura penale. È un poliziotto filosofico, attento alla psicologia dei criminali, più che uno sbirro d’azione. Ma è anche un uomo molto tormentato che combatte tra il desiderio di giustizia e l’abbraccio del Male. I Canti del Male è una serie poliziesca composta da tredici episodi, di cui Il canto degli innocenti è il primo capitolo. Una serie ambiziosissima che racconterà un mosaico completo della malvagità in tutte le sue sfumature.

Recensione Il canto degli Innocenti
Il canto degli innocenti è il nuovo romanzo di Piergiorgio Pulixi, edito da Edizioni E/O disponibile in libreria dall'8 aprile. Io ho avuto ancora una volta l'onore ed il privilegio di leggere in anteprima il romanzo dello scrittore sardo trapiantato nel Nord Italia dove ha seguito gli insegnamenti del grande Massimo Carlotto ed il suo Collettivo Sabot.
Dopo l'entusiasmante inizio con l'hard boiled duro, vedi la saga di Mazzeo: Una brutta storia e La notte delle pantere, Pulixi sta alternando romanzi thriller a sfondo sociale.
Il recente L'appuntamento è stato il chiaro segnale della poliedricità dell'autore; Il canto degli innocenti è la conferma di questa versatilità di Pulixi.
Il canto degli innocenti non è comunque che l'inizio di un progetto di tredici capitoli, rinominati I Canti del Male. Attraverso questa serie di romanzi, lo scrittore effettuerà un vero viaggio all'interno dell'inferno terrestre.
Si parte subito con il piede sull'acceleratore: gli assassini di questo romanzo sono dei ragazzini fra i dodici e i quindici anni. Un vero esercito che può in qualche modo ricordare quello dei poco teneri bambini del film: Il villaggio dei dannati, il cui sequel moderno (1995) è stato diretto da John Carpenter.
Ma i richiami horror/fantascientifici solo puramente rappresentativi. Il canto degli innocenti è ancora una volta uno spaccato della nostra società, un'analisi in qualche modo spietata, cinica e devastante dei nostri mali che potrebbe ricordare il recentissimo caso del "pilota suicida". 


Per farci conoscere questo mondo, Pulixi si affida alla sua nuova guida: il commissario Vito Strega. Un omone gigantesco e malinconico, sospeso per la morte del suo collega. Omicidio da parte di Vito o suicidio?
Il malessere del commissario va oltre questo sgradevole caso e riguarda la sua vita privata: con sua moglie Cinzia Purgatori è tutto finito. L'anima ed il comportamento di Vito ne risentono, rallentandone la lucidità sul lavoro. Ma per una donna che respinge, almeno tre ne attrae il vigoroso Vito Strega. Ai suoi piedi cadono la collega Teresa, una misteriosa Marina e persino la gatta Sabrina.
Proprio la presenza di molti personaggi femminili sarà una caratteristica di questo romanzo, in grado di alternare gli omicidi ad opera dei ragazzini alla vita privata dei protagonisti.
Ancora una volta il romanzo di Pulixi scorre rapido come una lama affilata, grazie a capitoli brevi ed un fitto uso dei dialoghi diretti. Un romanzo che sicuramente apprezzeranno i sempre più numerosi fan di Pulixi, il quale ha appena cominciato il suo viaggio nelle tenebre terrestri, per fortuna di noi lettori....

http://www.50e50thriller.com/2015/04/il-canto-degli-innocenti-piergiorgio.html