Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

L’atteso ritorno dell’Alligatore Il caso della Banda degli Amanti

Autore: Vincenzo Iannuzzo
Testata: La Nuova Ferrara
Data: 12 maggio 2015

Si è parlato del “giallo” e del "noir" italiano al Teatro Tosi di Santa Maria Maddalena, con uno dei maestri più apprezzati del genere; Massimo Carlotto. All'ottavo appuntamento di Parole d'Autore dove si presentava l'atteso suo ultimo romanzo; "La banda degli amanti" (Edizioni E/O), uscito recentemente e già ai vertici delle classifiche di vendita, lo scrittore esordisce con una affermazione sibillina: «Forse purtroppo questo genere letterario sta divorando troppe quote di produzione nazionale, a scapito della così chiamata letteratura bianca e della poesia». Dopo la pausa, se così la si può definire, in cui si è concentrato a scrivere sceneggiature per il teatro e la televisione, Carlotto ritorna alla scrittura con uno dei suoi personaggi seriali più famosi, Marco Buratti detto l'Alligatore, l'investigatore senza licenza che si ritrova sulle tracce dell'efferato malvivente Giorgio Pellegrini (questa è una delle numerose novità) protagonista di un'altra serie noir dello stesso autore. «Sono stato quasi costretto dai lettori - si giustifica - a continuare a scrivere le avventure dell'Alligatore, un po' come Macchiavelli, che ha dovuto riportare in vita il suo ispettore Antonio Sarti, poiché sia alle presentazioni che sul blog, hanno cominciato a rimproverarmi di non scrivere più dell'investigatore, accusandomi di maltrattamento nei loro confronti». Poi continuando la riflessione afferma: «Non ho mai pensato di far svanire il personaggio, stavo solamente cercando la storia giusta. Adesso però di storie giuste ne ho tre, per cui prometto ai miei lettori che ogni due anni pubblicherò un Alligatore». Carlotto conferma che la novità-tentazione di metter assieme tutti i suoi personaggi padovani gli è stata suggerita dai lettori stessi, col risultato di aver prodotto un ottimo romanzo dal ritmo pressante e dalla trama imprevedibile. Non poteva mancare il racconto di com'è nato lo spunto per questa nuova avventura: «Per caso! Una signora svizzera a uno dei tanti incontri, si presenta premettendo che non le piacevano i miei romanzi, ma che sua figlia aveva una storia che solo io potevo raccontare. L'indomani la figlia mi racconta la vicenda di due amanti ricattati. Da qui è scaturita "La banda degli amanti", che ho ambientato tra le provincie di Padova e di Vicenza, perché sono luoghi dove la malavita è diventata terribilmente creativa».

http://lanuovaferrara.gelocal.it/tempo-libero/2015/05/11/news/l-atteso-ritorno-dell-alligatore-il-caso-della-banda-degli-amanti-1.11404616