Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Recensione: Hugo e Rose - Bridget Foley

Autore: Alessia Coppola
Testata: Erelneah.blogspot.it
Data: 21 settembre 2015

Cari lettori,
oggi recensisco "Hugo e Rose" di Bridget Foley. Ringrazio la casa editrice E/O Edizioni per il gentile e graditissimo omaggio.
Questo è un libro intelligente, particolare e che cattura l'attenzione del lettore.
Ho trovato originale l'idea di fondo. La protagonista, Rose, una trentenne che vive sospesa tra la vita reale e quella che si sviluppa nel mondo del sogno. Perché lì, nell'universo onirico la aspetta da sempre Hugo.
Hugo è una proiezione, un bambino che ha albergato nei suoi sogni, che poi è diventato ragazzo, poi uomo. Con lui Rose vive straordinarie avventure in posti di pura fantasia, dove la sabbia è rosa e in fondo al mare c'è una botola segreta.
Rose trova tanto eccitanti le avventure vissute con Hugo, che la vita scivola nella routine e talvolta dimentica il valore delle piccole cose. Smette di dare attenzioni a suo marito, è stanca delle richieste dei figli, è annoia da tutto. Ma per fortuna ci sono i sogni a restituirle l'incanto dell'infanzia.
Ma accade qualcosa che spezza il finto equilibro della protagonista. Dopo una partita di calcio (annullata) dei figli, al casello di un fastfood, Rose incontra qualcuno:  Hugo. Lui non è più solo immaginazione, ma realtà che mette in discussione ogni cosa.
Cosa sarà ora della vita di Rose?
Comincio con l'esprimervi la mia ammirazione per lo stile di questa autrice che è un vero ricamo, sfiora la poesia e sapete quanto ami prose come queste.
Ammetto che a tratti la mia attenzione è calata, in quanto l'autrice si è spesso dilungata in periodi ai quali avrei dato meno spazio. Ma per il resto, ho trovato la lettura scorrevole e  senza intoppi.
Devo dire di non aver particolarmente amato la caratterizzazione di Rose, benché sia stata magistrale, insieme a quella degli altri personaggi. Questo perché ho trovato la protagonista poco sensibile davanti alla bellezza della vita vista nei piccoli gesti di ogni giorno. L'ho vista distaccata e quasi anaffettiva, in relazione a un marito come Josh che le offre il mondo in cambio di attenzioni. Questo perché forse i sogni sono tanto belli e perfetti che la realtà non ne regge il confronto.
Ho molto apprezzato questo romanzo e l'ho divorato. È stata una lettura che mi ha arricchito e sono certa che apprezzerete quanto me la penna della Foley.

http://erelneah.blogspot.it/2015/09/recensione-hugo-e-rose-bridget-foley.html