Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Non fidarti non temere non pregare

Autore: Carole Cadwalladr
Testata: Internazionale
Data: 2 ottobre 2015

Quanto a incipit drammatici, un elicottero pieno di uomini delle forze speciali russe in passamontagna nero con armi automatiche che va all'assalto della vostra nave non è male. La nave è la Arctic Sunrise e l'equipaggio è fatto di attivisti di Greenpeace, armati solo di videocamera. La loro missione era salire a bordo di una piattaforma della Gazprom, e impedire che questa diventasse la prima compagnia petrolifera a trivellare nel mar Glaciale artico. Ben Stewart racconta il momento caotico e terrificante in cui gli attivisti capiscono che la risposta del governo russo non sarà quella che si aspettavano: saranno arrestati e imprigionati per tre mesi con l'accusa di pirateria, con la prospettiva di essere condannati a quindici anni. Il libro è un resoconto minuto per minuto della vita in una prigione della provincia russa e una lezione su come oggi si organizzano le campagne globali. In questo caso la campagna è diretta del quartier generale di Greenpeace a Londra e porta frutto quando i detenuti sono liberati in vista delle Olimpiadi invernali di Sochi. Come racconto concitato e avvincente il libro funziona, ma non sottopone la strategia di Greenpeace a un esame obiettivo; questo perché, come veniamo a sapere, l'autore ha partecipato alla campagna di Greenpeace.