Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Linda Ferri: Cecilia

Autore: Maria Sara De Marco
Testata: Eumagazine.it
Data: 24 marzo 2009

Simbolo di conversione al cristianesimo, patrona della musica ed esempio di verginità, Santa Cecilia, prima di divenire Santa, è stata una donna dal temperamento forte e memorabile. Vissuta sotto Marco Aurelio, nella Roma del II secolo d.C., Cecilia è nata da una famiglia di nobili origini ed è divenuta moglie del prefetto Valeriano. In realtà, il loro matrimonio non è mai stato consumato poiché la donna, convertitasi al cristianesimo, ha giurato di rimanere casta per tutta la vita e ha convertito alla religione cristiana sia il marito che il cognato Tiburzio. Intorno a questa figura mitica e misteriosa, la sceneggiatrice Linda Ferri ha scritto il suo romanzo pubblicato da E/O, Cecilia. Sarà proprio la ragazzina di quindici anni vissuta nella Roma del II secolo d.C. a raccontare della sua vita, dei suoi rapporti con l’amata nutrice e con la venerata madre, degli insegnamenti del padre filosofo, medico e magistrato, e della vita in una società davvero lontana dalla nostra. Cecilia è la presentazione di un’anima più che di una ragazza che diventa donna, tra le braccia di un uomo importante e in un periodo storico di forti incertezze. L’anima di cui ci parla Linda Ferri è quella di chi ha bisogno di protezione, di chi è alla continua e disperata ricerca di se stesso. Sarà proprio la religione, elemento caratterizzante il personaggio di Santa Cecilia, a rappresentare un rifugio e un insieme di certezze, per una donna vissuta sotto l’imperatore Marco Aurelio.