Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

La bionda del Kontiki di Katia Ceccarelli (12/16)

Autore: Benedetta Colella
Testata: Bennyland
Data: 8 marzo 2016
URL: http://bennyland.altervista.org/la-bionda-del-kontiki/

La bionda del Kontiki non è una fascinosa top model straniera, ma una madre di famiglia sessantenne che percepisce d’un tratto come, dopo una vita votata alla gestione della casa e alla cura dei propri cari, sia diventata trasparente a loro e a se stessa. La nuova tinta di capelli, di un biondo appariscente, diventa galeotta di una radicale trasformazione dell’esistenza: Teresa, la protagonista, dismette i panni smorti da quieta signora di mezza età e si trasforma in una di quelle briose danzatrici del venerdì sera che gli invidiosi chiamano tardone e che sono invece donne alla ricerca della propria identità. Katia Ceccarelli, l’autrice, è bravissima nel rendersi invisibile: nella sua prosa scorrevole non traspare alcuna morale. L’autrice non prende posizione, lasciando così che i lettori, a seconda dell’evoluzione della storia, si identifichino o divergano dalla protagonista, dai figli, dalle amiche e dagli stagionati playboy che popolano il mondo delle balere. La bionda del Kontiki vive e opera in un territorio estraneo finora ai circuiti della narrativa: la Val Vibrata, estremo lembo settentrionale d’Abruzzo, che occhieggia alle Marche ed è in bilico fra la corsa al progresso, sovvenzionata da un’economia prospera, almeno fino a pochi anni or sono, e da una mentalità imprenditoriale, che sopravvive alla crisi, come dimostra il caso di Filippo, istruttore di ballo e, all’occorrenza, gigolò. La casa editrice E/O ci propone, così, una figura di donna insolita, non indomita, non vittima né carnefice, che affronta la vita al ritmo di tango anche se i piedi, gonfi come il cuore, la trattengono un po’. Al suo fianco, operano comprimari tutti interessanti: Ovidio, il marito, “un uomo senza un minimo di amor proprio e dignità, con quel ventre gonfio di rabbia e carboidrati“, i figli, la scaltra parrucchiera, che, acconciando i capelli, sa manipolare anche le idee, Lando, viveur part time, la perfida Jolanda, che dedica a Teresa “un pensiero netto e articolato (che) le era passato come uno spot pubblicitario in quella testa vaporosa, di per sè poco disposta al ragionamento“.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook. Abbiamo letto qualche libro in comune ultimamente? La lista dei miei la trovi qui!