Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Pierluigi Pulixi – Prima di dirti addio

Autore: Marco A. Piva
Testata: Contorni di noir
Data: 16 giugno 2016
URL: http://contornidinoir.it/2016/06/pierluigi-pulixi-prima-di-dirti-addio/

Prima di dirti addio è il quarto romanzo di Pulixi con protagonista l’ispettore di polizia Biagio Mazzeo, dopo Una brutta storia, La notte delle pantere e Per sempre.

Il poliziotto, capo di una squadra di uomini duri e fedeli, è ormai piombato nell’abisso della disperazione dopo una serie di colpi durissimi alla sua vita privata, e ha fatto qualcosa che non ci si sarebbe mai aspettato da lui: per avere la sua vendetta contro Vatslava Ivankov, ha chinato il capo alla ‘ndrangheta, per la quale accetta di fare anche lavori sporchi. Non c’è via di scampo per Mazzeo.

Tutti i romanzi di Pulixi sono caratterizzati da un tono crudo, da tragedie personali che l’autore crea abilmente per i suoi sventurati personaggi. Ma in Prima di dirti addio lo scrittore sardo fa qualcosa di più: dopo aver fatto terra bruciata intorno al suo protagonista, gli toglie anche ogni possibilità di redenzione.

Prima di dirti addio è un romanzo di speranze frustrate e rabbia repressa, di odio e di tragedia. Non solo per quanto riguarda il personaggio di Mazzeo ma anche quando Pulixi ci parla, attraverso gli occhi di qualche personaggio, della potenza della ‘ndrangheta, della sua diffusione capillare fuori dall’Italia. Certo, la mafia è più nota, è sulla bocca di tutti in tutto il mondo, ma qui l’autore ci fa capire quanto la ‘ndrangheta non sia da meno, anzi: Pulixi ci suggerisce che, in silenzio (forse anche perché, semplicemente, è più difficile da pronunciare per il cronista medio) e facendo proprio del silenzio la sua forza, stia prendendo il controllo della criminalità “importante”. E Pulixi non è un autore che inventa queste cose.

Prima di leggere Prima di dirti addio è consigliato, ma non necessario, farsi almeno un’idea della storia di Mazzeo: sapere già almeno di che tipo di persona si tratti aiuta. Ma se non lo conoscete ancora non temete, perché in questo romanzo ci vengono forniti tutti i dettagli necessari per comprendere le motivazioni dietro alle sue azioni, da quelle più illegali a quelle più comuni. Logicamente, leggendo questo romanzo vi rovinereste le sorprese che riservano al lettore i tre volumi precedenti della serie, che comunque restano letture piacevolissime: Pulixi è abilissimo a creare trame e personaggi vivi, sempre avvincenti.

In conclusione, a chi consigliare Prima di dirti addio? La prima reazione sarebbe “a tutti”. Sì, certo, ma chiariamo: ovviamente a chi ha letto e apprezzato i romanzi precedenti nella serie di Biagio Mazzeo, questo è logico. A chi non si accontenta di un poliziesco “regolare”, di uno scontro tra buoni e cattivi, di un po’ di sparatorie con pochi feriti mai gravi. A chi vuole una storia ben costruita, inserita in un mondo tragicamente reale (e ben studiato e rappresentato), in cui non tutto finisce sempre bene, come nella realtà. A chi non si affeziona troppo ai personaggi. A chi apprezza il noir più vero, più profondo, più intimo (anche se il romanzo è pieno di azione). A chi non ha lo stomaco debole. Se avete dubbi… leggetelo, poi se volete ne discutiamo.