Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Due volte

Autore: Daniela Mase
Testata: apcom
Data: 11 maggio 2009

Jadelin Mabiala Gangbo, scrittore congolese di nascita ma italiano d'adozione, ambienta in una Bologna 'paninara' anni '80 il suo ultimo romanzo edito da e/o: 'Due volte' che vede protagonisti due gemelli rasta africani, David e Daniel. Raccontato dal punto di vista del più sensibile dei due, Daniel, il romanzo, fortemente autobiografico, è ambientato in un orfanotrofio cattolico dove, tra amicizie e dissapori, avventure e scoperte, innamoramenti e amare rivelazioni, i giovani protagonisti fanno i conti col passato e con la complessità della vita. Scandito dall'alternarsi dicotomico tra dentro e fuori, bene e male, mondo degli adulti e dei bambini, il romanzo si anima di una serie di personaggi e situazioni che prendono forma in una dimensione tutta umana, complice anche il linguaggio originale del protagonista. Da Pasquale violento e solitario camorrista, ad Agata bambina 'sputata dallo zio' ('stuprata', si scoprirà poi) di cui Daniel si innamora in modo ingenuo e totalizzante come solo l'amore di un bambino può essere. A fare da contorno alle vicende raccontate, l'Italia anni '80 magistralmente descritta nei suoi loghi e luoghi comuni, nei suoi eventi e personaggi: da Cernobyl al governo 'Taxi' (Craxi, ndr), da Bim bum bam ai Duran Duran. Un modo tutto originale per rivivere 'due volte' un periodo significativo della nostra storia attraverso il punto di vista di uno scrittore, non italiano, ma che tanto ha saputo cogliere il sapore di un'epoca e di una realtà.