Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Scuola maestra

Testata: D / La Repubblica delle Donne
Data: 13 giugno 2009

Sulla stampa Usa Tom Perrotta è riuscito a meritare l’epiteto di “Checov americano”. E’ troppo, ma illumina uno dei suoi veri pregi: essere un narratore appassionato del soggetto che ha scelto di raccontare. In L’insegnante di astinenza sessuale, presentava il suo mondo d’elezione, quello delle high school, mettendo la protagonista, insegnante divorziata di ampie vedute, di fronte all’insospettabile sessuofobia di genitori e ragazzi della buona borghesia bianca. Ora in Intrigo scolastico (nel 2001 diventato anche il film Election) il puritanesimo resta un tema ma è per così dire collaterale: tutto ruota sulla democrazia e l’egualitarismo come miti sociali. Perrotta mette in scena l’elezione studentesca in un iceo: nelle rivalità tra ragazzi e nelle scelte dei professori capaci di giocarsi la reputazione per la storia con un’allieva o per favorire uno studente c’è un’efficace prova di democrazia in miniatura”. Che diventa non banale riflessione sull’incapacità degli adulti d’insegnare qualcosa di diverso dall’ansia di successo. Un bel monito anche per noi.