Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Scuola, specchio della società

Autore: Rita Bugliosi
Testata: Almanacco della scienza
Data: 9 luglio 2009

Con ‘Intrigo scolastico’ Tom Perrotta torna, dopo ‘L’insegnante di astinenza sessuale’, alla sua ambientazione preferita: l’High School americana. Una realtà circoscritta, che riproduce però in miniatura le situazioni, i conflitti e le dinamiche della società. E’ così che la nomina per il rappresentante d’istituto alla Winwood High si trasforma in uno scontro vivace tra i candidati, che ricorda le tensione che caratterizzano le campagne elettorali politiche. “L’organizzazione delle elezioni in un liceo non è cosa da ridere. Si tratta di insegnare la democrazia ai tuoi studenti e, nello stesso tempo, salvaguardare questo processo da eventuali brogli. E’ triste ma vero: se solo ne hanno l’occasione, quasi tutti i ragazzi sono pronti a imbrogliare pur di vincere. Da questo punto di vista sono molto simili agli adulti”. Queste considerazioni sono del professor McAllister, uno dei protagonisti del libro, oltre che una delle principali voci narranti della storia, che viene raccontata da più punti di vista: principalmente quelli dei tre sfidanti e quello dell’insegnante di storia, uno dei più coinvolti dall’evento. Candidati alla sfida scolastica sono il popolare e atletico Paul Warren e l’ambiziosa Tracy Flick, ai quali si aggiunge, a sorpresa, la sorella di Paul, Tammy. Gli accadimenti vengono quindi presentati da prospettive differenti che riflettono le variegate personalità dei personaggi. Riportate con uno stile coinvolgente e colloquiale, le elezioni scolastiche costituiscono per Perrotta l’occasione per regalarci uno spaccato dell’adolescenza, con le sue paure e insicurezze, e un ritratto parziale, ma non per questo meno realistico, della provincia americana. Un’opera che si legge con piacere e che conferma la capacità dell’autore di fotografare i vizi e le virtù del nostro tempo pur muovendosi in ambiti ristretti e privati che si trasformano, sotto la sua penna abile e leggera, in paradigmi di situazioni più ampie e significative.