Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Parlami d'amore

Autore: Eugenio Gallavotti
Testata: Elle.it
Data: 7 aprile 2010

Complice il mio personalissimo film in 3P (Pasqua, pioggia, poltrona), sono riuscito a finire due libri che avevo cominciato insieme (mi capita spesso, anche tre o quattro: ecco perché non arrivo alla fine!).
Il primo è di Irène Némirovsky, la scrittrice franco-ucraina di famiglia ebrea, morta neanche quarantenne ad Auschwitz. S'intitola Due (ed. Adelphi) ed è un inno al ”flusso discontinuo, lento e possente dell’amore coniugale”, che oggi suona un po' controcorrente. Sono scene da un matrimonio, a più voci, che diventa più forte di tutto, dei tradimenti, dei rimpianti, del tempo, dell'amore, trasformato, perlopiù dalla tenacia femminile, in quella fusione che dà il nome al romanzo.
Il secondo, di un giovane cagliaritano, Piergiorgio Pulixi (nella foto), è Un amore sporco (uno dei tre racconti di Donne a perdere, ed. e/o). Una love story assai cruda, sullo sfondo della Gomorra albanese: i clan di Tirana controllano ferocemente ragazze e bambine, sottratte alle famiglie e ridotte a prostituirsi in Italia, dove non esistono leggi che permettano di stroncare le mafie, comprese quelle del sesso, con pene pecuniarie mirate, efficaci, definitive.
Due opere completamente diverse, per scrittura e struttura, da dove gli uomini escono allo stesso modo, come non vorremmo essere, ora fragili ora spaventosi.