Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Il mare guasto

Testata: LibriBlog.com
Data: 11 novembre 2008

“Il mare guasto” è il romanzo d’esordio di Maurizio Braucci, uno scrittore nato a Napoli e impegnato nella lotta contro la camorra e a favore della legalità. Il suo impegno sociale ha portato l’autore a collaborare anche con Roberto Saviano nella preparazione della sceneggiatura del film “Gomorra”, in collaborazione con Matteo Garrone, Massimo Gaudioso, Ugo Chiti e Giovanni Di Gregorio.
A questo suo romanzo d’esordio, pubblicato per la prima volta nel 1999 e ristampato nell’aprile di quest’anno, fa seguito “Una barca di uomini perfetti”, pubblicato dalla stessa casa editrice nel 2004.
“Il mare guasto”, in particolare, è ambientato nel quartiere Santo a Napoli, descritto come una sorta di territorio limite, conteso tra camorra e Stato, tra criminalità e legalità. Protagonisti del romanzo sono due giovani apparentemente molto diversi ma segnati da un comune destino, Raffaele e Sergio.
Raffaele è un tossicodipendente che, per assicurarsi la sua dose, è dedito a piccoli furti e traffici. Dalla morte di suo padre, poi, egli ha avuto come unico sostegno soltanto sua madre, una donna a tratti soffocante e incapace di aiutarlo a migliorare se stesso portandolo via dal vortice distruttivo della droga. Insicuro e privo di risorse e di aiuto, Raffaele è destinato a darsi da fare per sopravvivere.
Sergio è l’opposto di Raffaele: non ha particolari talenti ma solo la “fortuna”, se così può essere chiamata, di avere le amicizie giuste che lo aiutano a farsi strada nel mondo della delinquenza.
Nella storia narrata da Maurizio Braucci non ci sono vincitori, ma soltanto vinti: giovani che direttamente o indirettamente subiscono le conseguenze dell’illegalità e della camorra. Il loro unico errore? Essere nati in una terra bellissima ma dominata dalla delinquenza e da una cultura del silenzio e dell’omertà che soffoca ogni aspettativa e gambizza i sogni e il futuro dei suoi figli.