Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Una sublime storia d’amore al di sopra delle bassezze umane nel romanzo d’oltralpe

Testata: Librinews
Data: 11 dicembre 2010

Freschezza, leggerezza, umorismo e fantasia, sono i tratti che caratterizzano il romanzo ‘La delicatezza’ (La délicatesse) di David Foenkinos, pubblicato da E/O nell’edizione italiana curata da Alberto Bracci Testasecca.
Un romanzo che proprio grazie alle citate caratteristiche ha ottenuto un sorprendente e inatteso successo nelle librerie francesi e che ora, scavalcate le alpi, si propone ai lettori italiani consapevole di poter fare breccia nelle nostre librerie.
La storia è semplice e ben curata: una donna, Nathalie, perde il marito in circostanze tragiche, la sua vita sembra finita e invece incontra casualmente un altro uomo e nasce una sorprendente e bellissima storia d’amore.
Una storia che potrebbe sembrare quasi banale per l’argomento trattato in chissà quanti altri romanzi, ma che si rivela sin dalle prime battute delicatamente poetica e positiva, trasformando il dolore causato da una perdita in una nuova sublime storia d’amore capace di porsi al di sopra delle bassezze umane.
Quando Nathalie torna in ufficio dopo la morte del marito, oppressa dal corteggiamento pesante e volgare del capoufficio e dalla grigia routine di un lavoro senza fantasia, incontra il ‘principe azzurro‘ lì dove meno se lo sarebbe immaginato, nella persona di un impiegato svedese all’apparenza insignificante, uno che in ufficio tutti considerano una nullità. Invece quest’uomo sorprendentemente si rivela un essere delicato, divertente, con una storia commovente alle spalle.
La delicatezza è l’unica cosa di cui ha davvero bisogno Nathalie in quella difficile fase della sua esistenza. Tra i due nasce un rapporto timido, all’inizio appena accennato, che ‘delicatamente’ si fa strada tra le esitazioni dell’uomo, le remore della donna e lo stupore rabbioso dei colleghi, fino al coronamento finale di un amore scevro di ogni sua componente triviale.
‘La delicatezza’ è un racconto pieno di ironia, composto con una scrittura moderna e veloce e intervallato da intermezzi fantasiosi e divertenti che dettano un ritmo senza spezzare il pathos della trama. È il racconto di una dolcissima storia d’amore che vola al disopra della pochezza umana.