Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Paolo Teobaldi

Il mio manicomio

Paolo Teobaldi

Il mio manicomio

febbraio 2007, pp. 192
ISBN: 9788876417610
Area geografica: Autori italiani
Collana: Dal Mondo
€ 15,50
Come acquistare Come acquistare Come acquistare

Il libro

Come può accadere che un “giardino di delizie” (il famoso Parchetto dei Duchi della Rovere) diventi un manicomio? E come si fa a raccontare, dall’interno di un manicomio, una serie di storie che sono inenarrabili, per definizione e per contratto?
Attraverso la voce e l’esperienza di Tilde (Matilde), infermiera dei matti, Il mio manicomio si muove in un pulviscolo di storie senza requie, personali e collettive: fatti minimi e privatissimi di famiglie (felici o infelici quanto basta) che si incrociano con la grande Storia della nazione.
Il tormentato monologo di Tilde porta in scena una ricca galleria di personaggi, positivi e negativi: il padre mai conosciuto; la madre analfabeta che prega in latino; il marito paterno e positivo; la figliola che “padreggia”; e poi i ricoverati, le suore, la superiora, il direttore fissato con l’elettroshock, i dottorini, il tempo che passa.
L’ex giardino delle delizie ducali, da luogo di pena e reclusione, diventa paradossalmente un osservatorio privilegiato per seguire i mutamenti, le illusioni e gli inganni di un paese nell’arco di almeno sessant’anni: la ritirata di Caporetto, il fascismo, la seconda guerra mondiale, lo sfollamento di un intero ospedale psichiatrico sui monti dell’Appennino, l’arrivo degli Alleati, il dopoguerra, il boom economico, gli psicofarmaci, fino alle ultime finzioni della presunta società del benessere.
Una narrazione tesa dalla prima all’ultima pagina, condotta da una voce forte, che dispone di una sua lingua prescolare, a metà strada tra il dialetto della tradizione orale e l’italiano imparato alle elementari negli anni venti del secolo scorso: una lingua dolorante, che si misura con temi cruciali, veri e propri nervi scoperti, con rabbia e reticenza insieme.
Il mio manicomio è un affresco compatto, stipato di personaggi come certi quadri di Brueghel; ma anche con improvvisi squarci comici come certi quadri di Hogarth.

L'autore

Paolo Teobaldi
Paolo Teobaldi è nato nel 1947 a Pesaro, dove vive. Ha fatto il traduttore, il copywriter e l’insegnante d’italiano. Come narratore ha pubblicato: Scala di Giocca (Edes, Cagliari, 1984) e per le nostre Edizioni Finte. Tredici modi di sopravvivere ai morti, La discarica, Il padre dei nomi (Premio Frontino-Montefeltro 2002), La badante, finalista al premio Strega, e Il mio manicomio. I suoi libri sono stati tradotti in diverse lingue.

Recensioni

Volumi correlati per appartenenza geografica

  • Giorgia Lepore

    Angelo che sei il mio custode

    2016, pp. 256, € 16,50
    Giorgia Lepore ci regala un noir denso e profondo, dove ossessioni e segreti si rivelano nei meandri dell’animo umano e nelle viscere della terra.
  • Marco Rossari

    Le cento vite di Nemesio

    2016, pp. 512, € 18,00
    Un romanzo scatenato in cui tra storia e invenzione sfilano gli amori e le passioni di tutta un’era, la Parigi bohémienne e la Germania di Weimar,...
  • Elena Ferrante

    La frantumaglia

    2016, pp. 384, € 19,00
    Questo libro ci porta nel laboratorio di Elena Ferrante, ci permette di dare uno sguardo nei cassetti da cui sono usciti i suoi primi tre romanzi...
  • Fabio Bartolomei

    La grazia del demolitore

    2016, pp. 280, € 18,00
    Il nuovo, attesissimo romanzo di Fabio Bartolomei.
  • Massimo Carlotto

    Arrivederci amore, ciao / Alla fine di un giorno noioso

    2016, pp. 336, € 9,90
    In un unico volume i due romanzi che hanno reso celebre Giorgio Pellegrini, la grande carogna del noir italiano. Con un nuovo capitolo.
  • Massimo Carlotto, Paolo Foschi, Carlo Mazza, Luca Poldelmengo, Piergiorgio Pulixi, Roberto Riccardi, Patrizia Rinaldi, Matteo Strukul, Massimo Torre

    Giochi di ruolo al Maracanã

    2016, pp. 240, € 16,00
    Nove racconti sul lato oscuro delle Olimpiadi