Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letteratura degli Stati Uniti

Harry Kressing

Harry Kressing

Harry Kressing è lo pseudonimo di Harry Adam Ruber (New York, 1928 – Minnesota, 1990). Le notizie sulla sua vita sono poche e contraddittorie. Fra le sue opere ricordiamo il romanzo Il cuoco (1965) e i due racconti lunghi pubblicati sotto il titolo Married Lives (1974).

Tutti i libri di Harry Kressing

Ultime recensioni

  • Presi per la gola, letteralmente. Prima sedotti con sapori perfetti e poi, servita l’ultima cena, soffocati da una stretta fatale. Il piacere della gola (così intimamente connesso al bisogno atavico di nutrirsi per sopravvivere) – sembra volerci suggerire lo scrittore americano...
    — Amedit, 5 aprile 2017
  • Dalla notte in cui Conrad arriva a Cobb, niente sarà più lo stesso per gli abitanti della tranquilla cittadina ai piedi del misterioso castello di Prominence. Altissimo, cadaverico, tutto vestito di nero, di lui non si sa quasi nulla. Appena qualche accenno a un passato aristocratico...
    — L'Inkiesta, 14 febbraio 2017
  • Piatti lussureggianti che piegano i palati più raffinati come quelli più inappetenti e meno inclini alle gozzoviglie: questo il condimento di una favola diabolica. Se la gola ha il potere di persuadere chiunque, i peccati della cupidigia culinaria sono al centro del libro Il...
    — Contrappunti, 13 febbraio 2017
  • Buongiorno lettori, oggi voglio parlarvi di un libro letto nel mese di gennaio, una storia di cui ho sentito parlare molto e di cui ho subito il fascino noir. In una notte d'inverno, Conrad Venn arriva a Cobb, per prendere servizio come cuoco presso la dimora degli Hill. Gli...
    — La ragazza che annusava i libri, 8 febbraio 2017
  • Se fosse una ricetta, il romanzo di Harry Kressing – scomparso ventisette anni fa, con una bibliografia rada e più di qualche mistero alle spalle – sarebbe una di quelle semplici e stuzzicanti, da consumare all'impiedi. Breve e affascinante, ha un ripieno che fa gola –...
    — Diario di una dipendenza, 25 gennaio 2017
  • Non si tratta di un maggiordomo bensì di un cuoco – infido e subdolo. E… meno male! Non se ne può più di romanzoni melliflui, tipo Downtown Abbey in cui i nobili britannici sono buoni e generosi, tanto si sa che è quello il modo migliore per mantenere lo status quo.
    — Libro guerriero, 25 gennaio 2017
  • Un misterioso personaggio si presenta alla porta di una dimora patrizia del paese di Cobb. Ha letto un annuncio che richiedeva un cuoco di provata esperienza. Conrad, questo è il suo nome, non ha mai lavorato prima, tuttavia presenta referenze inoppugnabili, accenna ad un passato...
    — Io Donna, 18 gennaio 2017
  • Oggi su Thriller Cafè recensiamo un diabolico classico di Harry Kressing appena riedito da Edizioni e/o: Il cuoco. Una cittadina, Cobb, due antiche famiglie che si odiavano, Hill e Vale, ed un castello che per volere dell’anziano fondatore del paese non potrà essere...
    — Thriller Café, 4 gennaio 2017
  • ★★★★ Gordon Ramsey una volta disse: "non si entra in cucina per diventare ricchi". Naturalmente questa sua affermazione era rivolta ai suoi cuochi di Hell's Kitchen, ma se tra di loro ci fosse stato anche Conrad Venn - personaggio protagonista di questo libro -, sarebbe...
    — The Bookish Teapot, 4 gennaio 2017
  • Un noir culinario con un tocco gotico: Il cuoco di Harry Kressing, pubblicato nel 1965, è un classico recuperato dalle edizioni e/o nella collana “Intramontabili”. E anche se del suo autore si sa poco - Harry Kressing infatti è lo pseudonimo di Harry Adam Ruber (New York,...
    — Gazzetta di Mantova, 24 dicembre 2016
  • Sull’altopiano spicca una collina più alta delle altre e senza vetta. Rompe la successione regolare delle cime arrotondate che si snodano intorno, coltivate e boscose, con un precipizio inaccessibile. Sulla sommità, ai bordi, un profondo fossato, estrema protezione del...
    — Libero, 23 dicembre 2016
  • Un epilogo a metà tra l’inferno dantesco ed Helzapoppin, il romanzo di Kressing può forse essere letto anche e soprattutto come una riflessione sul potere, nella sua accezione più larga e negativa.
    — Il Manifesto, 22 dicembre 2016
  • Allucinatorio ♡♡♡♡ Il cuoco fu pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti del 1965. Il suo autore, Harry Kressing, fece moltissima attenzione a non far sapere molto di sé, ma il libro era bello, ebbe successo. Sotto la stessa traccia inquietante si...
    — Grazia, 1 dicembre 2016
  • In una fredda notte senza tempo Conrad Venn giunge in una piccola città chiamata Cobb. Adagiata in una valle ombrosa, ai piedi del maestoso castello di Prominence, Cobb ospita due antiche famiglie, Hill e Vane, divise da un odio profondo, in lotta da secoli per il possesso dell’antico...
    — Thrillernord, 28 novembre 2016
  • E così ora si scopre che La grande abbuffata, di Marco Ferreri, non era affatto quell'originalissima metafora della voracità borghese elevata all'autodistruzione. L'aveva preceduta un capolavoro del thriller satirico, Il cuoco, di Harry Kressing, appena riproposto dalla casa...
    — Gazzetta del Mezzogiorno, 27 novembre 2016
  • Inquietante. Ambiguo. Allampanato, di un’estrema magrezza, pallido e vestito di nero, quando Conrad appare nel villaggio di Cobb e si presenta alla famiglia Hill con una domanda di lavoro come cuoco, la prima impressione che suscita è di diffidenza. Eppure ha ottime referenze...
    — Leggere a lume di candela, 25 novembre 2016
  • (...) Lo show televisivo ci ha abituato a pensare il cibo come food, come gastronomia, entertainment, estetica, piacere. Tutte cose buone e giuste. Ma quel che mangiamo e diamo da mangiare agli altri è molto di più: è potere e sottomissione, è amore materno e odio spietato,...
    — La Repubblica Torino, 23 novembre 2016
  • Il cuoco è una diabolica favola noir di magia gourmet, un bel raccontone di poco più di cento pagine, narrato con elegante prosa che esalta con fine ma cinico umorismo questo attuale periodo d’oro dove cucina e buongustai imperversano e dominano su tutte le scene.
    — Milanonera, 23 novembre 2016
  • Il cuoco di Harry Kressing su Eat Parade, dal minuto 8:00. Guarda il video
    — Tg2, 18 novembre 2016
  • Favola nera intrisa di atmosfere gotiche, satira ante litteram sulla oggi dilagante ossessione per i gourmet e le diete, apologo sul potere e sull'arbitrarietà delle classi sociali.
    — Il Venerdì di Repubblica, 18 novembre 2016

Letteratura degli Stati Uniti