Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Paolo Teobaldi riceve l'attestato di riconoscenza per meriti letterari e culturali dal Comune di Pesaro

Pesaro
Auditorium di Palazzo Montani Antaldi

È pesarese perché a Pesaro è nato (nel 1947) e vive - in sella alla sua amata bicicletta lo si vede ogni giorno in centro e al Porto - ma Paolo Teobaldi è soprattutto un grande scrittore italiano che racconta storie universali.

Venerdì 15 febbraio - alle ore 17.30 - nell’Auditorium di Palazzo Montani Antaldi (g.c.), riceverà dal Sindaco l’attestato di riconoscenza per meriti letterari e culturali. Dopo la consegna della pergamena, il professore Enrico Capodaglio farà una relazione sul suo percorso letterario, accompagnata da letture tratte da suoi testi a cura di Lucia Ferrati. Seguirà l’intervento dello scrittore che presenterà il suo ultimo libro - Arenaria - in uscita a fine febbraio. Infine, prenderà la parola Sandro Ferri, fondatore con Sandra Ozzola di e/o, casa editrice con cui sono pubblicati tutti i suoi libri (eccetto l’iniziale Scala di Giocca), legata a Teobaldi da un lungo rapporto di stima e affetto.

In occasione dell’incontro verranno distribuiti i Quaderni n.9 e n.10 de ‘Il gusto dei contemporanei’; inoltre, saranno in vendita i libri di Teobaldi a cura della casa editrice e/o e i dvd su Primo Levi a cura della Biblioteca Bobbato.

Paolo Teobaldi ha fatto il traduttore, il copywriter e l’insegnante d’italiano. Come narratore ha pubblicato Scala di Giocca (Edes, Cagliari, 1984) e per le edizioni e/o Finte. Tredici modi per sopravvivere ai morti, La discarica, Il padre dei nomi (Premio Frontino-Montefeltro 2002), La badante. Un amore involontario, candidato al premio Strega nel 2005, Il mio manicomio e Macadàm. I suoi libri sono stati tradotti in diverse lingue.

(Ufficio Stampa del Comune di Pesaro, 12 febbraio 2019)