Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letteratura sudafricana

Damon Galgut

Damon Galgut

Damon Galgut, nato a Pretoria nel 1963, è tra gli scrittori di maggior successo della generazione letteraria sudafricana post-apartheid. Ha pubblicato 5 romanzi tra cui Il buon dottore (Guanda 2005), L'impostore (Guanda 2009) e In una stanza sconosciuta (E/O 2011).

Tutti i libri di Damon Galgut

Ultime recensioni

  • (...) Forster, la cui affascinante esistenza è tracciata da Damon Galgut in Estate artica (e/o), è insieme a Evelyn Waugh l’apripista al racconto dell’amore tenero tra giovani uomini, lo stesso che anima il suo Ritorno a Bridshead (Bompiani).
    — Il Fatto Quotidiano, 29 dicembre 2016
  • Per coloro i quali hanno amato Passaggio in India del grande E. M. Forster, la lettura di Estate artica, il nuovo romanzo del sudafricano Damon Galgut (classe 1963), rappresenterà una sorta di esegesi in forma narrativa, un contributo finissimo allo svelamento dei punti oscuri,...
    — Il Fatto quotidiano, 22 novembre 2014
  • ALL’INIZIO si fa fatica a capire perché Damon Galgut, lo scrittore sudafricano nato nel 1963 a Pretoria, due volte candidato al Booker Prize, ineffabile nella descrizione della palude post-apartheid, con la sua prosa essenziale e serrata, i bagliori nel cuore di tenebra del...
    — Repubblica, 16 novembre 2014
  • Due volte finalista al Men Booker Prize, Galgut è uno dei più brillanti autori sudafricani contemporanei: scrittura pulita, elegante; fosse un artigiano sarebbe un sarto che cuce la seta. In Estate Artica siamo agli inizi del Novecento, quando lo scrittore E. M. Forster, già...
    — Il Mucchio, 11 novembre 2014
  • Fra "Casa Howard" (1910) e "Passaggio in India" (1924), il grande e adorato E. M. Forster progettò di scrivere un romanzo che non vide mai la luce. Sappiamo però che avrebbe dovuto chiamarsi misteriosamente "Estate Artica", ed è appunto questo il titolo che lo scrittore...
    — L'Espresso, 7 novembre 2014
  • Arctic Summer, «Estate artica», si chiamava il romanzo che E. M. Forster non riusciva a finire. Era il 1913, aveva già alle spalle Monteriano, Camera con vista, Casa Howard e senza avere ancora assaporato la fama che dà il successo, era senz’altro uno scrittore dal riconosciuto...
    — Il Giornale, 3 novembre 2014
  • Cos'è il raccÒnto di una vita realmente vissuta? Per Sigmund Freud, convinto che la verità biografica non esista, è essenzialmente un'opera di falsificazione. Virginia Woolf sosteneva invece che fosse la meno liberafra le arti, perché il biografo, diversamente dal...
    — Tuttolibri, 1 novembre 2014
  • Nell’ottobre del 1912 un giovane inglese di trentatré anni E. M. Forster, chiamato Morgan, si trovava a bordo del City of Birmingham, in viaggio verso l’India. Romanziere di discreto successo, cominciava a riconoscersi come tale, ma viveva ancora con la mamma, e in solitudine...
    — Alias Il Manifesto, 26 ottobre 2014
  • Il nuovo libro del sudafricano Damon Galgut prende come spunto d'ispirazione la semplice dedica di uno dei romanzi più famosi di E.M. Forster, Passaggio in India: "A Syed Ross Masood e ai 17 anni della nostra amicizia". Galgut esplora la natura dell'amicizia, la comprensione...
    — Internazionale, 17 ottobre 2014
  • E. M. Forster è il più brillante e fortunato caso di reticenza letteraria del secolo scorso: Maurice, unico dei suoi romanzi a contenere una relazione esplicita tra uomini, fu pubblicato soltanto postumo nel 1971 nonostante fosse stato scritto almeno cinquant’anni...
    — Pride, 15 ottobre 2014
  • Vita straordinaria di E.M. Forster, memorabile autore di Passaggio in India e Camera con vista. Tra amori infelici ed esotismi, che guardano verso Oriente, una biografia tesa come un grande romanzo.
    — Marie Claire, 13 ottobre 2014
  • Il nuovo bellissimo romanzo di Damon Galgut, lo scrittore sudafricano due volte finalista al più importante premio della letteratura di lingua inglese, il Man Booker Prize. «Estate artica è l’opera di un maestro» Daily Mail «Scritto con maestria e profondamente avvincente»...
    — Feedbooks, 9 ottobre 2014
  • Un uomo cammina per pianure, montagne e città; è solo con se stesso anche quando si accompagna ad altri. Nelle latitudini" sconfinate e sempre diverse di tre continenti sembra volere sperimentare la possibilità di un incontro significativo con l'altro, di- un rapporto che...
    — L'indice dei libri del mese, 9 gennaio 2012
  • Il sottotitolo dell’ultimo romanzo di Damon Galgut, In una stanza sconosciuta (edito da edizioni e/o), recita: Tre viaggi. A volerlo analizzare bene sotto un aspetto meramente tecnico il libro non potrebbe essere definito neanche come romanzo. In realtà sono tre racconti lunghi...
    — Fuorilemura.com, 3 ottobre 2011
  • Si chiama Damon, come l’autore, il protagonista e voce narrante dei tre racconti di In una stanza sconosciuta, il nuovo libro del sudafricano Damon Galgut finalista al Man Booker Price nel 2010. Nel primo racconto Il seguace Damon «prova una felicità intensa, il che per...
    — Via dei Serpenti, 8 settembre 2011
  • La letteratura si fa in molti modi, non necessariamente con i romanzi. Epistolari, poesie, invettive, teatro. Tutto ciò che è scritto può essere letteratura, è solo la qualità della scrittura che fa la differenza. Damon Galgut è uno scrittore di ottima fattura, non so dirvi...
    — Cooperazione, 6 luglio 2011
  • Mi capita spesso di scrivere che i libri sono viaggi. Ecco, questo romanzo, In una stanza sconosciuta di Damon Galgut (edizioni e/o), lo è davvero, per varie ragioni, la prima delle quali è che l’autore muove il protagonista in un eterno viaggiare, dall’Europa, all’Africa,...
    — Style.it, 16 giugno 2011
  • Un viaggio è un gesto inscritto nello spazio, svanisce nel momento stesso in cui viene compiuto. Vai da un luogo a un altro, e da lì in un altro luogo ancora, e dietro di te già non c'è più traccia del fatto che ci sei stato. Le strade che hai percorso ieri adesso sono piene...
    — eZine, 15 giugno 2011
  • Quello di recensire libri sarebbe un mestiere piuttosto ingrato, abbastanza monotono, se nella quotidiana peregrinazione attraverso il prevedibile paesaggio delle «novità» non capitasse ogni tanto, raramente, d'imbattersi in qualche bene prezioso, in libri che valgono da soli...
    — Alias, 30 maggio 2011
  • Tra gli scrittori della generazione dopo quella di Coetzee e Breytenbach spicca, in Sudafrica, Damon Galgut: in Italia sono stati tradotti due suoi romanzi da Guanda e questo In una stanza sconosciuta, finalista l'anno scorso al Booker Prize, da e/o. Catalogarlo come "letteratura...
    — D / La Repubblica delle Donne, 9 aprile 2011

Letteratura sudafricana