Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letteratura dell'Iran

Fariba Hachtroudi

Fariba Hachtroudi

Nipote dello sceicco Esmaïl Hachtroudi, leader religioso molto rispettato in Iran, deputato nel Parlamento che ha partecipato alla Costituzione del 1906 e difeso la laicità e la tolleranza, Fariba Hachtroudi è la figlia del grande matematico e filosofo Mohsen Hachtroudi, più volte in odor di Nobel e grande autorità morale, attivo sul fronte della difesa dell’uguaglianza tra uomini e donne. Nata in Iran, Fariba ha vissuto in Francia fin dalla sua adolescenza. Dopo un dottorato in Archeologia, è diventata giornalista e ha fatto la reporter durante la guerra Iran- Iraq, pubblicando numerosi reportage sull’Iran e sui diritti delle donne. Il suo primo romanzo, Iran, les rives du sang, ha ricevuto il Gran Premio dei Diritti dell’Uomo nel 2001. Ad esso sono seguiti nuovi reportage, come Les femmes iraniennes, 25 ans d'inquisition islamiste (2004), À mon retour d'Iran (2008), Khomeiny Express (2009), ulteriori romanzi e un saggio dal titolo Ali Khamenei ou les larmes de Dieu (Gallimard, 2012). Con L’uomo che schioccava le dita è tra i dieci finalisti del Premio dei lettori del Festival dei libro di Mouans-Sartoux 2014.

Tutti i libri di Fariba Hachtroudi

Ultime recensioni

  • Era stata dura con il presidente riformista Mohammad Khatami, perché - come pensavano tanti altri iraniani - non faceva abbastanza per cambiare. Ma ora, 15-20 anni dopo, dichiara di avere ancora fiducia nel moderato Hassan Rohani e nel suo governo, tornato sotto il fuoco incrociato...
    — Ansa Med, 16 ottobre 2016
  • Parlando delle relazioni tra i due sessi nel mondo musulmano, non si dovrebbero mai dimenticare le condizioni di classe. Fariba Hachtroudi, scrittrice iraniana da molti anni residente in Francia, è un'attenta osservatrice dell'evoluzione della condizione femminile nel mondo...
    — L'Espresso, 10 aprile 2015
  • «Il presidente iraniano Hassan Rouhani è un pragmatico che comprende i veri pericoli che l’Iran si trova ad affrontare in questa difficile congiuntura mondiale e nel disordine mediorientale. Rouhani ha la volontà di migliorare gradualmente la situazione e tirare fuori...
    — Corriere della Sera, 3 marzo 2015
  • Il romanzo dell’iraniana Fariba Hachtroudi, bellissimo e straziante, si presenta come una storia a specchio: da un lato c’è una donna, Vima, vittima di un aberrante regime religioso, che con fermezza eroica giace sepolta nell’infernale prigione di Devine; dall’altro...
    — D - Repubblica, 3 marzo 2015
  • E' una storia dolorosa e conturbante, quella che è al centro di "L'uomo che schioccava le dita" dell'autrice iraniana ma di espressione francese Fariba Hachtroudi (Edizioni E/O, traduzione di Alberto Bracci Testasecca, pp. 132, €16). Siamo nelle prigioni disumane di una presunta...
    — L'Espresso, 27 febbraio 2015
  • •••• Romanzo d'amore assoluto o romanzo politico? Storia di passione o di dittatura? L'iraniana Fariba Hachtroudi intreccia così abilmente le violenze più terribili, quasi fosse una Scheherazade del terrore, che non sappiamo più cosa tiene insieme il suo racconto.
    — Internazionale, 19 gennaio 2015

Letteratura dell'Iran