Login
Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter
Cover: Ottantatré - Alberto Bracci Testasecca

Alberto Bracci Testasecca

Ottantatré

aprile 2013, pp. 200
ISBN: 9788866323068
Area geografica: Autori italiani
Collana: Dal Mondo
€ 16,00
Non disponibile Non disponibile Non disponibile

Il libro

Ottantatré sono gli anni vissuti da Giustino Astori, nato nel 1927 da un'umile famiglia di Montepulciano e morto nel 2009. E ottantatré sono i capitoli di questo libro, uno per ogni anno che passa – ottantaquattro, contando il capitolo zero in cui il protagonista viene concepito.
In questi ottantatré anni Giustino vive un'esistenza piena ed è sempre alla ricerca del senso di questa sua esistenza. Ma gli eventi straordinari che affronta il protagonista sono, molto ordinariamente, la perdita di una persona cara; l'amore; la paternità; la crisi matrimoniale; la necessità della solitudine; la malattia improvvisa e il senso di precarietà della vita; l'invecchiamento (e il dramma de "l'essere che non invecchia intrappolato in un corpo che invecchia"); un inaspettato, intenso, bellissimo innamoramento a sessant'anni, che porta nuova linfa e nuova gioia di vivere, prima che cali il sipario; e infine la morte. La storia di Giustino e della sua famiglia è solo uno dei piani narrativi che Alberto Bracci Testasecca ci fa scorrere davanti agli occhi. Sullo sfondo ce n'è un altro, che scorre parallelamente al primo. Ed è la Storia. In geometria due piani sono paralleli se non hanno alcun punto in comune. Ma in questo caso i due piani narrativi della macrostoria, e della microstoria di Giustino, si incrociano e si sovrappongono di continuo, con una mirabile combinazione di sostanza e leggerezza.

L'autore

Alberto Bracci Testasecca
Alberto Bracci Testasecca, Sagittario ascendente Acquario, è nato a Roma nel 1954 da genitori toscani, e attualmente vive tra Roma e Montepulciano. Dopo i più svariati mestieri, nel 1999 si affaccia al mon­do letterario come traduttore. Tra gli autori stranieri ai quali ha dato una “voce” italiana ricordiamo Eric-Emmanuel Schmitt, Lau­rence Cossé, John Pilger, Jane Gardam, David Foenkinos, Jean-Christophe Rufin, Jérôme Ferrari. Collabora saltuariamen­te alla rivista Limes. Il suo debutto come scrittore avviene nel 2007 con il romanzo Il treno (Edizioni E/O) a cui sono seguiti, nel 2010, Volevo essere Moccia (Edizioni La Lepre) e, nel 2013, Ottantatré (Edizioni E/O).

Recensioni

Volumi correlati per appartenenza geografica

  • Cover: Vera poesia - Giordano Bruno, Tommaso Campanella, Michelangelo Buonarroti

    Giordano Bruno, Tommaso Campanella, Michelangelo Buonarroti

    Vera poesia

    2024, pp. 128, € 10,00
    La poesia religiosa italiana ha una tradizione lunga e spesso sottovalutata.
  • Cover: La famiglia. Una storia ruandese raccolta da Pietro Veronese - Pietro Veronese

    Pietro Veronese

    La famiglia. Una storia ruandese raccolta da Pietro Veronese

    2024, pp. 224, € 18,00
    La famiglia è un toccante racconto che esplora le vite delle persone che, in seguito al genocidio in Ruanda, hanno formato famiglie d’elezione...
  • Cover: The Washington Tales. I racconti di Vasìnto - Paolo Teobaldi

    Paolo Teobaldi

    The Washington Tales. I racconti di Vasìnto

    2024, pp. 160, € 18,00
    Il Primo-narratore (il Padre-narratore, direbbe la Costituzione americana del 1776) alla nascita viene registrato all’anagrafe cittadina col nome...
  • Cover: Errore 404 - Sacha Naspini
    -5%

    Sacha Naspini

    Errore 404

    2024, pp. 208, € 17,10
    Un uomo può rivivere e cambiare il suo passato attraverso il gusto. Grazie a questo superpotere riesce a dare nuove direzioni alla sua esistenza,...
  • Cover: Nives - Sacha Naspini
    -5%

    Sacha Naspini

    Nives

    2024, pp. 144, € 14,25
    Quando dal più trascurabile degli eventi riemerge un passato ingombrante, resta una domanda nel cuore: cosa si prova a scoprire di aver vissuto da...
  • Cover: Ossigeno - Sacha Naspini
    -5%

    Sacha Naspini

    Ossigeno

    2024, pp. 224, € 16,15
    Di fronte all’orrore di un fatto di cronaca tutti si chiedono cosa l’abbia generato, cosa sia successo prima. Nessuno si chiede invece cosa succede...