Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Novità editoriale: “L’Italiano” di Shukri Al-Mabkhout

Autore: Emanuela Barbieri
Testata: Arab Press
Data: 16 febbraio 2017
URL: http://arabpress.eu/novita-editoriale-litaliano-shukri-al-mabkhout/77087/

È una bella sorpresa poter trovare da oggi in libreria “L’Italiano” di Shukri El-Mabkhout, il romanzo vincitore dell’International Prize for Arabic Fiction 2015, finalmente tradotto in italiano da Barbara Teresi grazie alle Edizioni E/O.

L'Italiano di Shukri Al-MabkhoutEttalyeni, l’italiano, è l’appellativo dato ad Abdel, il protagonista del romanzo di cui ripercorriamo la vita, attraversando con essa gli eventi e le vicissitudini che condurranno la Tunisia verso quella che conosciamo come “rivoluzione dei gelsomini”. Percorriamo gli anni ’80 e ’90 del secolo scorso, la destituzione del Presidente Habib Bourguiba per mano del generale Ben Ali che dal 1987 guiderà il paese fino, appunto, alla Primavera araba del 2011. Il libro descrive un’élite già divisa negli anni ’70 a sostegno di diversi progetti sociali, opposti. Sono anni di fermento sociale e politico, dell’ascesa dell’islamismo da una parte e delle aspirazioni liberali dall’altra, di quella tensione prima invisibile per la repressione del governo Ben Ali, poi esplosiva.

Per introdurci in questo mondo di contraddizioni, ribellione e violenza più o meno esplicita, Al-Mabkhout dà vita ad Abdel Nasser, l’italiano, che durante il funerale del padre Hajj Mahmud, aggredisce l’imam sotto lo stupore degli astanti. Già dalle prime righe ci si chiede cosa sia successo ad Abdel, al Paese: “Che fine avevano fatto la signorilità di hajj Mahmud, l’eleganza della sua jubba e del suo fez (…) se paragonate all’aria trasandata di suo figlio Abdel Nasser in jeans e giacca da operaio, con i capelli in disordine e la barba incolta?“.

Ce lo spiegherà Al-Mabkhout tra le pagine di questo travolgente romanzo.

Shukri Al-Mabkhout è rettore dell’Università Al Manouba, editorialista, critico letterario e traduttore. Dopo Ettalyeni (2015), ha pubblicato un altro libro, Baghanda (2016), ispirato alla vita di un calciatore tunisino (non ancora tradotto in italiano).