Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

LUCKY di Alice Sebold

Testata: Appunti di una lettrice
Data: 9 maggio 2017
URL: http://appuntidiunalettrice.blogspot.it/2017/05/lucky-di-alice-sebold.html?spref=tw

Questo romanzo era nella mia libreria da diverso tempo, non mi decidevo mai ad affrontarlo, probabilmente per il tema, così forte e importante, trattato tra le sue pagine: lo stupro. L'autrice, meglio conosciuta per Amabili resti, il suo romanzo di maggior successo, Alice Sebold in Lucky ci racconta una storia vera, la sua, di quando fu stuprata una notte di primavere, nel suo primo anno d'università, mentre tornava nel suo alloggio.

"Chi dice che preferirebbe lottare fino alla morte piuttosto che farsi violentare è un idiota... Parlando di scalate o di traversate burrascose certa gente dice di essere diventata tutt'uno con la montagna o con l'acqua..." Dal buio della galleria abbandonata cosparsa di cocci e bottiglie rotte dove è stata violentata quando aveva diciotto anni, Alice Sebold ci consegna una sconvolgente rivelazione: "Io divenni tutt'uno con quell'uomo. Quell'uomo teneva in mano la mia vita..." "Sei fortunata" si sentì dire Alice dal poliziotto che raccolse la deposizione dopo lo stupro. "Una ragazza fu stuprata e smembrata in quel luogo tempo fa". Il senso di questa controversa fortuna è il tema sul quale l'autrice torna sistematicamente nel corso del suo libro che è a un tempo drammatica testimonianza, lucida e spregiudicata indagine sulla violenza e le sue conseguenze e sconcertante ritratto autobiografico, denso di candore, anticonformista e ironico, pieno di dolore e legittima ribellione. Alice, condannata dalla violenza alla solitudine e alla discriminazione, costretta a vivere in un mondo che ha solo due colori, ciò che è sicuro e ciò che non lo è, "rovinata" agli occhi di familiari, amici e fidanzati, riuscirà con coraggio a superare prove durissime per vivere in un mondo dove orrore e amore convivono.

Alice Sebold apre il libro raccontando subito il momento dello stupro, lo fa nei minimi dettagli senza tralasciare nulla, così che il lettore si trovi di fronte al momento clou del romanzo e sappia fin da subito a cosa sta andando incontro. Tutto è spiegato così bene e in modo così toccante che io stavo già piangendo a pagina 21. Lo stile di scrittura è semplice e diretto, l'autrice non ha certo voluto romanzare la vicenda, ha voluto raccontarla proprio così come è avvenuta, come si è svolto tutto dall'inizio alla fine. Certo però il modo non è dei migliori: ci sono parti assolutamente inutili, come alcuni aneddoti della sua infanzia, per nulla rilevanti al fine della narrazione, che sembrano più dei riempitivi messi lì per aumentare il numero di pagine. Mi aspettavo qualcosa di più da un libro del genere, che tratta un argomento così delicato, ma estremamente importante. Ho trovato la descrizione di molti fatti e tanti dialoghi, ma pochi sentimenti, sensazioni e riflessioni; insomma per nulla introspettivo, ma solo la cronologia dei fatti realmente accaduti. Esplicita sì, che colpisce duramente allo stomaco nelle sue descrizioni, ma solo perché sono argomenti sensibili e non perché c'è qualche sostanziale risvolto psicologico toccante.

Non bisogna vederla solo come la storia dello stupro, ma è la storia di una ragazza che cerca di rimettere insieme i pezzi della sua vita, dopo un evento terribile. Della sua lotta nel cercare di tornare alla vita di tutti i giorni, della grande difficoltà nell'affrontare tutto quello che viene dopo: il giudizio delle persone, i commenti e gli sguardi inopportuni, il modo diverso di vedere la vita e di valutare le persone che la circondano. Uno sforzo immenso per riuscire a convivere con questo trauma terribile e tornare alla normalità, che non sarà mai come prima. Una parte molto interessante è quella che riguarda il processo e le testimonianze di Alice. La tensione di quei momenti, e anche la rabbia che l'autrice prova in determinate situazioni, è palpabile e la si vive in prima persona. Alice trova diversi modi per combattere i propri demoni, che la opprimono e potrebbero distruggerla; uno di questi è soprattutto il coraggio di affrontare a testa alta il suo violentatore in un aula di tribunale, raccontando in modo chiaro e lucido quello che le è successo. Ma a u certo punto la ragazza cade anche nella spirale di alcool e droghe, per poter soffocare le sue sensazioni e poter sopravvivere Qui si apre tutta l'ultima parte del libro, che racconta i quindici anni dopo, fino alla decisione di scrivere queste pagine. A mio parere, sono avvenimenti raccontati in modo grossolano e sbrigativo. In poche pagine fa un riassunto di quei quindici anni, giusto per dare un'assaggio di ciò che è accaduto, senza approfondire sentimenti, paure e sensazioni. Non ha dato per niente il tempo e lo spazio che queste vicende si meritavano.

Un libro veloce e scorrevole nonostante le sue 310 pagine, che vale la pena leggere per la sua capacità di far riflettere sulla situazione delle donne e su come vengano trattate dopo aver subito uno stupro. Molto spesse sono colpevolizzate ingiustamente per quello che è successo e vengono viste come delle persone "rovinate" per sempre. Nonostante questa vicenda sia accaduta nel 1981, e l'autrice ricostruisca l'accaduto quindici anni dopo, il romanzo rimane ancora estremamente attuale e fornisca svariati punti su cui riflettere.

È determinante che si capisca quanto è importante denunciare queste cose, parlarne e ascoltare le vittime, per aiutare a superarlo e impedire che accada ad altri. Bisogna dare un volto e un nome alle vittime, altrimenti come dice Alice: "...se resta anonima, la mia storia è solo una storia, non la realtà".