Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letture (non convenzionali) sotto l'ombrellone

Autore: Stefania D'Amore
Testata: Linkiesta
Data: 6 giugno 2017
URL: http://www.linkiesta.it/it/blog-post/2017/06/06/letture-non-convenzionali-sotto-lombrellone/25742

Non poteva mancare, tra i nostri consigli, un classico. Praga, fine del XVI secolo. Sulla città regna Rodolfo II, imperatore del Sacro Romano Impero, collezionista, mecenate delle arti e delle scienze, uomo eccentrico e misterioso. Vive arroccato nel Castello, circondato da alchimisti, astrologi, pittori, servitori fedeli e imbroglioni di ogni risma. Ama una donna di nome Esther, moglie dell’ebreo Mordechai Meisl, l’uomo che gli presta il denaro per la sfarzosa ed eccentrica vita di corte, ma è un amore che esiste solo nei sogni, perché così ha voluto Rabbi Löw, autore di sortilegi, cabalista e artefice del Golem. Dentro questa Praga magica e perduta Leo Perutz intreccia le sue invenzioni narrative, fantastiche e poetiche, intorno a un perno che è l’inestricabile intreccio dei destini dei due rivali, Rodolfo e Mordechai, il Cristiano e l’Ebreo, entrambi grandi, entrambi perdenti. Leo Perutz ci regala una storia magica e suggestiva, una favola agrodolce che ci porta tra le strade di Praga tra storia (basti pensare ai riferimenti e al contesto dell'antisemitismo) e finzione, dove la differenza (di credo, di ceto, di appartenenza) e la frattura (insanabile?) sono la chiave di lettura dell'autore.