Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

L’amica geniale, cosa si sa della serie tv della Ferrante

Autore: Claudia Ricifari
Testata: Grazia
Data: 13 giugno 2017
URL: http://www.grazia.it/stile-di-vita/cinema-e-tv/amica-geniale-serie-tv

L'amica geniale diventa una serie tv e ora che la produzione inizia a prendere forma si iniziano a conoscere i primi dettagli sulla trasposizione televisiva del primo dei quattro libri di Elena Ferrante, caso editoriale non solo in Italia ma anche all'estero.

(Persino Hillary Clinton ha ammesso di essere una fan della saga e di essersi dovuta fermare al secondo libro per evitare di distrarsi dalla campagna elettorale per le presidenziali americane dello scorso anno).

Un successo che non poteva passare inosservato alle case produttrici, che fin da subito si sono gettate ai piedi della scrittrice per ottenerne i diritti.

Ecco tutto quello che c'è di noto finora.

La produzione e le riprese

Il progetto nasce dalla collaborazione fra Rai ed HBO (la stessa che ha prodotto Sex and the City e Game of Thrones, per intenderci).

Le riprese cominceranno quest'estate in Italia (saranno ambientate a Napoli) e saranno effettuate in italiano.

La messa in onda poi rimarrà in italiano (sottotitolata in inglese per il pubblico americano)

A dirigere la serie sarà Saverio Costanzo, già regista dell'edizione italiana di In Treatment, con la produzione di Lorenzo Mieli e Mario Gianani per Wildside e Domenico Procacci per Fandango.

Gli episodi e la data di messa in onda

Non è ancora stata annunciata una data di messa in onda, anche se è già stato reso noto che L'amica geniale sarà diviso in otto episodi e che è già stato firmato l'accordo per andare avanti anche con i successivi romanzi, per un totale di 32 episodi.

La scrittrice sta partecipando attivamente alla messa in scena della sua opera, che già aveva visto una trasposizione teatrale lo scorso febbraio.

Tuttavia, la sua identità rimane anonima anche per il regista, che ha ammesso di continuare a sentirla solo via mail.

Dal canto suo la Ferrante ha ammesso in un'intervista al New York Times di non voler interferire con il lavoro dei produttori, ma di essere felice di essere presa in considerazione.

«Leggo i testi e mando note dettagliate - spiega -. Non so ancora se ne terranno conto ma è molto probabile che le useranno più avanti nell'ultima versione della sceneggiatura».

La trama e la fedeltà al libro

Secondo quanto affermato da Procacci, la serie cercherà di rimanere fedele ai romanzi «nel rispetto del lavoro di Ferrante e della cultura italiana, e allo stesso tempo che sia interessante a livello internazionale».

La scrittrice commenta: «Per quanto riguarda la fedeltà al libro, mi aspetto ci sia compatibilmente con le necessità del racconto visuale, che usa differenti strumenti per ottenere gli stessi effetti».

Protagoniste sono Elena e Raffaella, meglio note come Lenù e Lila, due amiche che crescono in un rione della periferia di Napoli, tra povertà e degrado.

Il libro narra le vicende delle due ragazze dal punto di vista di Elena, partendo dall'infanzia e proseguendo durante l'adolescenza, quando le loro strade sembrano dividersi.

Lila, infatti, non può proseguire la scuola perché i genitori non possono permetterselo, mentre quelli di Lenù riusciranno a garantirle un'istruzione.

Le loro vite però continueranno a intrecciarsi, anche grazie alle loro vicissitudini sentimentali.

Il cast di attori

Al momento non si sa ancora chi farà parte della serie, né chi vestirà i panni delle due protagoniste.

La speranza della Ferrante è che vengano scelte due debuttanti: «I bambini attori ritraggono i bambini come gli adulti immaginano che dovrebbero essere. Invece i bambini che non sono attori hanno qualche possibilità di uscire dallo stereotipo, specialmente se il regista è capace di trovare il giusto equilibrio tra realtà e finzione», ha spiegato.

E Saverio Costanzo sembra voler seguire il consiglio, visto che ai primi casting che si sono tenuti nel Rione Sanità di Napoli cercava due coppie di bambine (una coppia di 8 e l'altra di 15) dilettanti.

«Tutti a Napoli sanno recitare. Devono recitare per difendersi. Tutti recitano una parte ogni giorno», ha dichiarato il regista al New York Times.

Il seguito e gli altri libri

La prima edizione de L'amica geniale è uscita nelle librerie nel 2011, seguita l'anno dopo dal secondo volume Storia del nuovo cognome, nel 2013 da Storia di chi fugge e di chi resta e infine nel 2014 dall'ultimo capitolo della tetralogia Storia della bambina perduta.

I libri raccontano un'unica storia che si svolge nell'arco di 50 anni.

Per quanto divisi, Elena Ferrante ha infatti ammesso di averli pensati sempre come un unico romanzo e di averli separati solo per questioni di lunghezza.

Ed ecco perché ai primi episodi che verranno girati quest'estate è già deciso che ne seguiranno altri 8 per ogni libro, per un totale di 32.